< weniger ist mehr >
(m
eno è più)
(L. Mies v. d. Rohe)

 

BIG - Bjarke Ingels Group (Traduzione in italano)

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Dal prestigioso quotidiano Svizzero NZZ (www.nzz.ch) . . . . .
per porre in riflessione certi maghi italiani.
Traduzione dal tedesco.

. . .

Il clima ispira la stella dell'architettura Bjarke Ingels: "Proprio perché le persone determinano e accelerano i cambiamenti climatici, saranno la soluzione".

Informazioni sull'architetto danese Bjarke Ingels I film di Netflix sono girati. Preferisce comunicare con i suoi fan tramite Instagram. A suo avviso, la protezione del clima non dovrebbe avere nulla a che fare con il divieto, ma con l'aumento della gioia di vivere. Antje Stahl lo ha incontrato in Norvegia per un discorso.

Antje Stahl, 30.10.2019

 

Bjarke Ingels, fondatore dello studio di architettura danese e internazionale BIG.

 

 

Ora potremmo parlare un po 'della regina Sonja di Norvegia: qualche settimana fa, accompagnata dalla banda di ottoni della banda militare, non ha appena inaugurato un museo privato a nord di Oslo. No, ha anche realizzato stampe colorate di paesaggi per i quasi 500 ospiti di questo evento. A seguito di discorsi, cene e feste, queste immagini sono state firmate da alberi ossuti e distribuite insieme con una salsiccia di alce in un sacchetto di iuta.

Sonja era d'accordo con questo bizzarro mix di goodie bag? Oppure voleva competere con gli altri artisti qui esposti, tra cui Anish Kapoor, Yayoi Kusama e Olafur Eliasson? Dovremo chiarirlo altrove. I reali (anche il principe ereditario Frederik di Danimarca) ci dissuaderebbero troppo dal nostro vero protagonista: dopo tutto, l'architetto Bjarke Ingels è qui nella foresta norvegese vicino a Jevnaker per un'intervista.

Per settimane, o sciocchezze, mesi, abbiamo scritto al suo studio di architettura BIG con la richiesta di fissare finalmente un appuntamento con l'architetto danese che parla in modo così diverso di cambiamenti climatici, sostenibilità e crisi, come quello degli attivisti e I politici e persino gli architetti sono abituati. I film di Netflix sono quindi girati da Bjarke Ingels, nato nel 1974, tiene conferenze TED e comunica con i suoi innumerevoli fan tramite Twitter e Instagram (con quasi 700000 follower). Questo lo rende uno dei pochi architetti che raggiungono le masse. Gli investitori lo adorano anche per le sue capacità di narrazione, raccogliendo ordini in tutto il mondo. Si dice anche che salvi Manhattan dall'innalzamento del livello del mare e costruisca una nuova striscia di terra intorno alla parte meridionale dell'isola entro il 2050. Naturalmente, i colleghi sono infastiditi dal successo su larga scala dell'ufficio. C'è una lettera aperta dell'Università di Harvard , in cui anche la prole ammette quanto sia geloso del successo di Ingels - e quanto frustrato che forse non salverà il mondo con i suoi progetti giganteschi. Quindi c'è molto di cui parlare. Per mezz'ora la macchina di PR ci ha concesso questa pop star in occasione dell'apertura del museo in Norvegia. Pertanto, non perdiamo tempo e. , ,
, , , Dai un'occhiata a lui con una foto di suo figlio di quasi un anno sul suo cellulare, che condivide anche sul suo account Instagram. , ,

Come si chiama tuo figlio?

Darwin. Ha anche il suo account Instagram, mentre pubblico tante foto di lui. Sono proprio come tutti gli altri genitori: penso che sia la creatura più interessante, affascinante, bella e brillante.
Come nota editoriale, "ridere" dovrebbe apparire per la prima volta a questo punto, ma mentre Bjarke Ingels ride incessantemente, ci rinunciamo e assumiamo da ora in poi che il lettore legge questa "risata".
E Darwin come in Charles. , ,
, , , sì, come Charles Darwin. Ha il suo compleanno il 21 novembre e Darwin pubblicò il suo primo libro, "Sull'origine delle specie", il 24 novembre 1859. Anche sua madre Ruth è spagnola e il nome funziona in spagnolo, danese e inglese. E Ruth significa "amico" in ebraico, e Darwin una volta era chiamato il suo "caro amico" in Inghilterra, e sì, adoro Charles Darwin.
Signor Ingels, perché sei l'unico architetto che sembra che il suo lavoro sia davvero buono per lui?
Ah, sì, è divertente. Bene, penso che il mio lavoro sia piacevole come qualsiasi altro. , , Abbiamo appena aperto una mostra intitolata "Formgiving", che consente agli architetti e ai progettisti di ricordare molto bene ciò che rende il nostro lavoro rilevante e importante: che gli diamo una forma che non ha uno, il futuro e soprattutto quello Futuro in cui vorremmo vivere. E non riesco proprio a immaginare un compito più eccitante e significativo di questo. Certo, a volte è difficile e una vera sfida - sicuramente non è sempre stato divertente lavorare su questo progetto, ci sono stati molti momenti di "fanculo, sì", ma poi ancora molti come "Jeeesus".
Bjarke Ingels ama i fumetti, forse dovremmo menzionarlo brevemente. Il suo fumetto architettonico «Sì è di più» è stato preso sul serio anche dal rigoroso settore dell'architettura. In questa Archicomic, il gruppo Bjarke Ingels, in breve BIG, ha formulato per la prima volta la speranza che l'architettura verde non dovrebbe apparire come noiose casse di cemento e non necessariamente vincoli per i suoi utenti.
Sul suo account Instagram, hai pubblicato una foto di un uomo che sembra che dici da 30 a 40 anni. Questo ti aiuta a entrare in empatia con il futuro?
Sì, come tutti, sono rimasto affascinato da questa app. , ,
, , , trasformando uno in una persona anziana usando i filtri. Immagina di avere 80 anni: che cosa hai raggiunto da allora?
Quindi se conti nella vita, ho poco più della metà dietro di me, giusto? Idealmente, sarei ricordato per cose che non ho ancora fatto. Voglio dire, sono molto contento dei nostri progetti, ma stiamo costantemente imparando e lavorando per esso o desideriamo crescere, svilupparci spiritualmente e creativamente. In tal senso, spero che il nostro contributo più significativo sia ancora davanti a noi.
E non hai ancora idea di come potrebbe essere?
Le idee fondamentali che hanno plasmato la nostra pratica per molti anni - come "Pragmatismo utopico" o "Sostenibilità edonistica" - continueranno a svolgere un ruolo importante nel nostro lavoro in futuro. Proprio come la convinzione che l'architettura e il design non abbiano nulla a che fare con lo stile o l'estetica, ma piuttosto modellano il futuro.
"Sostenibilità edonistica" è un'idea così entusiasmante, dopotutto, finalmente dissipa l'idea che sostenibilità significherà abbandono e proibizione: secondo il motto, se vogliamo proteggere l'ambiente, dobbiamo rinunciare alla nostra libertà, non possiamo più volare o carne mangia di più. Tuttavia, dicono: No, sostenibile può dare piacere, aumentare il piacere. Allora, quando hai fondato BIG nel 2005, pensavi che avresti avuto tanto successo?
Assolutamente no. Non sono mai stato particolarmente ambizioso o strategico. Ho aperto il mio ufficio solo perché ho lavorato per alcuni architetti in tutto il mondo e sapevo che volevo andare oltre la politica che è così diffusa negli studi di architettura. A tale proposito, preferivo rimanere senza alternative piuttosto che avere un piano.
Lasciamolo così.
Sempre più persone scendono in strada per il futuro. Ciò che guida e allo stesso tempo li scoraggia è l'idea di un pianeta Terra distrutto. Cosa ne pensi di un attivismo politico che si basa su scenari apocalittici?
Non credo che la disperazione sia particolarmente motivante. C'è molta incertezza sul futuro, non sappiamo se uno scenario del genere diventi davvero realtà. Tuttavia, se la Terra è la nostra unica opportunità di investimento, sarebbe saggio prendersene cura. Non possiamo permetterci di essere sorpresi o incasinati. Mi era stato detto in particolare a Berlino in occasione della conferenza "Progetto Manhattan" sulla molto propositivo sulle nuove tecnologie e il cambiamento climatico: E 'stato in particolare su come CO 2 in grado di ridurre le emissioni di CO 2 -free industria e gli investimenti in redditizia aziende. Una cosa del genere dimostra che stiamo affrontando una grande sfida e crisi, ma noi umani siamo molto bravi a affrontarla. Quindi sono ottimista, non perché penso che le cose funzioneranno da sole, ma perché le ripareremo.
Molti dei tuoi progetti non sembrano voler prevenire il cambiamento climatico, ma assumerlo. "Oceanix City", ad esempio, è costituito da gruppi di isole che possono nuotare nel mare. Forniscono alloggi per le comunità più piccole che sarebbero state sfollate dalle loro città alluvionate entro il 2050 e aree per molluschi e ostriche, centri culturali e sportivi, tetti solari. Tutto sommato un "ecosistema artificiale" senza gas di scarico e immondizia che ricorda un paradiso. Non è cinico vendere l'innalzamento del livello del mare come promessa?
Il chimico ed esperto di clima Sir David Kind ha recentemente mostrato immagini della Siberia, dove si sa che i terreni permafrost si scongelano. Questo rilascia il carbonio immagazzinato al suo interno, che porta a massicce esplosioni. Quindi, quando il mondo cambia, ci sono problemi molto grandi, ma possiamo gestirlo molto bene. Anche la vita si è evoluta attraverso l'adattamento e l'umanità si evolve attraverso la capacità di collaborare.

Se il nostro futuro è così, non viene risolto. Lo studio di architettura BIG, tuttavia, vuole rispondere all'innalzamento del livello del mare e ha progettato una città di isole, che nel 2050 ospiterà fino a 10.000 persone. A Oceanix City, potranno prendersi cura di se stessi, ad esempio attraverso campi di alghe, ostriche e letti di cozze. Esistono istituti scolastici, centri sportivi e ospedali, nonché vivai di bambù, "sei volte più resistenti" dell'acciaio. E ovviamente un bilancio energetico sostenibile. (Immagine: PD) Il tetto della nuova sede di Google dovrebbe ora essere in piedi. Le prove circolano in rete e i blog riportano i progressi del grande campus di Mountain View, in California. Come il guscio di una tartaruga, si trova nella Silicon Valley, i fronti delle finestre tra i tetti a forma di tenda sono chiamati "sorren gaden luce". Insieme a Heatherwick Studio di Londra, BIG ha progettato il nuovo volto del motore di ricerca Internet di successo a livello globale. (Foto: BIG) Al gruppo Bjarke Ingels piace pensare su larga scala: BIG ha completato una piramide residenziale nel 2016 sulla West 57th Street. VIA è ora ufficialmente chiamato l'edificio con le sue circa 700 unità abitative, che BIG descrive come "cortile", ovvero una miscela di cortile e grattacielo. (Foto: PD) Nel giardino del cortile di VIA c'è un grande giardino, come ci si aspetterebbe dalle città europee con sviluppo del blocco perimetrale. Vista sul fiume Hudson sulla West 57th Street. (Foto: PD) L '"8-House" o "Endless House", che è stata spostata nel 2009, collega 475 unità abitative tramite un loop. Ci sono case a schiera da uno a due piani e appartamenti per single, uffici e negozi e strade pubbliche che le collegano. A Ørestad, sull'isola di Amager, tra l'aeroporto e Copenaghen, dove si trova l'edificio, è emersa una piccola città della città. (Foto: PD) Le mini ville della "Mountain House" a Ørestad, che erano ammucchiate sopra un garage, sono state il primo progetto acclamato a livello internazionale di BIG dal 2006. Qui, lo studio di architettura ha giocato con le forme della natura per dare all'architettura un'immagine verde , (Foto: PD) Primo piano delle mini ville. (Foto: PD) Mountain House da lontano. (Foto: PD) Spazio pubblico: la "Piazza Rossa" nella superkilen di Copenaghen con pezzi fissi destinati a commemorare la società multiculturale nel distretto di Nørrebro. (Foto: PD) Con saggi cubici, BIG è stato in grado di realizzare un gesto estremamente efficiente in termini di spazio e formalmente efficace nel magazzino di transito nell'ex magazzino a cielo aperto di Basler Dreispitz. I balconi degli appartamenti angolari si affacciano direttamente sulla torre residenziale "Helsinki" di Herzog & de Meuron. (Foto: PD) La visualizzazione del "Musée Audemar Piguet" a Le Brassus nella Vallée du Joux, che aprirà nell'aprile 2020, mostra una serie di rampe d'accesso che possono essere utilizzate per lo sci di fondo in inverno. (PD)

Se il nostro futuro è così, non viene risolto. Lo studio di architettura BIG, tuttavia, vuole rispondere all'innalzamento del livello del mare e ha progettato una città di isole, che nel 2050 ospiterà fino a 10.000 persone. A Oceanix City, potranno prendersi cura di se stessi, ad esempio attraverso campi di alghe, ostriche e letti di cozze. Esistono istituti scolastici, centri sportivi e ospedali, nonché vivai di bambù, "sei volte più resistenti" dell'acciaio. E ovviamente un bilancio energetico sostenibile. (Immagine: PD)

Ciononostante, sembra che le future bozze come "Oceanix City" dicano: Rilassati, quando il mondo crollerà, possiamo ancora averlo bello.
Sono convinto che possiamo influenzare il futuro. È fantastico essere un formulatore. Ed è fantastico che ora ci sia un museo qui in Norvegia che collega due sponde del fiume, che sono stato in grado di realizzare qualcosa del genere in un periodo di otto anni. Quasi allo stesso tempo, abbiamo aperto la centrale elettrica a Copenaghen dove è possibile sciare perché abbiamo costruito la centrale elettrica più pulita al mondo. Quindi sì, se non facciamo nulla, molto può andare storto, ma è per questo che non dovremmo fare nulla.
(Inserto breve: Copenhill, un inceneritore di rifiuti a Copenaghen dove si può effettivamente sciare, è stato un argomento caldo per la stampa per anni , ed è uno di quei prestigiosi progetti degli architetti BIG che sono tanto sbagliati quanto loro: i rifiuti vengono trasformati in elettricità qui, I filtri del gas di scarico all'avanguardia assicurano che nessuna sostanza tossica penetri nell'atmosfera, come hanno finalmente attestato le autorità danesi, e ai bambini è ora ufficialmente permesso indossare gli sci sulla collina dell'edificio nell'area industriale. "Non c'è neve, ma la plastica verde La domanda è se questa forma di "sostenibilità edonistica" - non segnali anche alla prole che i rifiuti sono buoni per l'uso ricreativo.)
Cosa mi consigliate?
Dovresti trovare suggerimenti pratici e tangibili. Attualmente stiamo lavorando a una sorta di meta-progetto che chiamiamo Masterplanet, un piano generale per il pianeta. Sappiamo che gli umani sono in grado di coordinare le missioni intergenerazionali che hanno bisogno di risorse infinite. È così che abbiamo costruito cattedrali. Abbiamo solo bisogno di un piano generale. Al momento c'è molta letteratura e molti documenti che dimostrano il caos e definiscono i problemi, ma ci sono solo obiettivi climatici parziali: questa città vuole cambiare questo in questo momento e quelli raggiungono qualcos'altro . , , ma questo non va da nessuna parte in un piano generale.
E che aspetto ha questo "piano generale"?
Dobbiamo ancora svilupparlo, ma riunirà alcune grandi società private, istituzioni internazionali, opportunità di investimento e progetti. Il cambiamento climatico è nelle mani dei politici o poi degli scienziati. Ciò che architetti e designer possono contribuire è che le cose vengono realizzate, implementate e progettate. Sappiamo come farlo: tracciare un'idea, studiarla, testarla e sviluppare una tabella di marcia. Politici e scienziati non dovrebbero decidere il nostro futuro, ma architetti, ingegneri e investitori.
Riesci a immaginare di lavorare con Greta Thunberg?
Chiaro! Greta è una grande mascotte per una generazione frustrata dall'idea che il mondo sembra andare in rovina e nessuno ci sta facendo nulla. Mi piacerebbe sentire il tuo contributo, ma probabilmente avremmo bisogno di molta esperienza nel campo della scienza, della tecnologia, della chimica. Si tratterà di materiali, calcestruzzo, soluzioni pratiche.
Un rapporto delle Nazioni Unite del 2017 documenta che l'industria delle costruzioni rappresenta il 36 percento del consumo globale di energia e quasi il 40 percento delle emissioni di CO2. In altre parole, l'architettura è percepita come un problema; tu la presenti come una soluzione. Come funziona?
Se le persone fossero etichettate come parte del problema, sarebbe vero, ma stupido allo stesso tempo o no? Proprio perché le persone stanno producendo e accelerando i cambiamenti climatici, saranno sicuramente la soluzione. Se cambiamo il clima sulla Terra quasi per caso, immagina cosa è successo se volessi cambiarlo consapevolmente. Abbiamo la capacità - il potere di farlo.
Eppure l'industria delle costruzioni sta distruggendo l'ambiente. BIG è al 50 ° posto nella classifica "WA100" con 248 dipendenti nei più grandi studi di architettura del mondo. I tuoi progetti sono all'altezza del nome del tuo ufficio: sono enormi complessi residenziali, hotel, grattacieli per i maggiori investitori. Come si combinano la protezione del clima e la macchina del denaro architettonico?
Chiunque pensi che l'architettura sia un problema così grande dovrebbe cercare di essere senzatetto. Se gli edifici sono un problema, eliminali. Quindi sarà molto difficile sopravvivere all'inverno a Zurigo.

Questa è una risposta molto polemica.

Sì, è anche una risposta stupida, ovviamente, ma se abbiamo una scelta tra architettura e senzatetto, scegliamo architettura. Esistono pochissimi posti al mondo in cui da 7,5 a 8 miliardi di persone potrebbero vivere senza di loro, almeno non in Norvegia, Zurigo o Copenaghen: abbiamo bisogno dell'architettura. Una delle caratteristiche che definisce la vita in contrapposizione alla materia morta è che consuma energia. Il consumo di energia non è una brutta cosa, ma una buona cosa, almeno se pensi che la vita sia una buona cosa. Vogliamo usare l'energia. Non vogliamo semplicemente sprecarlo. In un certo senso, questo è anche il problema dell'inquinamento atmosferico: CO 2 e gas a effetto serra sono sottoprodotti che nessuno vuole o di cui ha bisogno. Ma cosa succede se diventano risorse quando creano nuove cose, ad esempio le fibre di carbonio? In Svizzera, c'è la società Climeworks, che ha sviluppato una tecnologia che cattura il carbonio.
Proprio come le navi dell'aspirapolvere devono pescare la plastica dai mari. Invece di combattere la causa - l'uso della plastica, l'industria dell'imballaggio e così via - stai inventando sempre nuove macchine. Questo aumenta l'economia.
Vedi la verità in faccia. Se vuoi respirare aria pulita, smetti di fumare, ma non lo fai. Quindi dobbiamo pulire l'aria mentre stiamo ancora fumando. Non tutte le auto sono elettriche e tutte le centrali elettriche sono pulite, il riscaldamento globale è realtà. Sono d'accordo che devi arrivare alla causa del problema, ma finché non lo abbiamo risolto, dobbiamo usare altri mezzi. Sono un ottimista, abbiamo la cultura per affrontarla, solo molte persone devono metterci molta energia.
Non di rado, gli architetti cercano di risolvere il problema dal punto di vista architettonico: ad esempio, non ricostruendo, ma utilizzando lo stock esistente o riciclando i rifiuti di costruzione.
Anche questa è un'ottima idea. Tutti i nostri uffici sono situati in edifici esistenti, stiamo trasformando un vecchio grande magazzino sulla 5th Avenue a New York in un ufficio, un vecchio magazzino a Soho presso la sede di "The Atlantic" e un vecchio bacino portuale in un museo. Certo. Ma quando guardi alla crescita della popolazione, è chiaro che avremo bisogno di più edifici, che dovremo sostituire quelli vecchi, che le persone potrebbero voler uscire dalle loro capanne e condividerle con dodici membri della famiglia. Sarebbe folle condannare l'architettura. Al contrario, è così buono che può migliorare la qualità della vita, forse proteggere un bambino dalla respirazione nell'aria inquinata. Stiamo appena iniziando a comprendere le conseguenze delle nostre azioni, quindi saremo in grado di disinnescarle e trasformarle in qualcosa di positivo.
Credono nei buoni vecchi progressi.
L'equilibrio non è uno stato stabile - un funambolo bilancia, perché se si ferma, cadrebbe immediatamente. Continua a muoversi un po ', il che significa che usa molta energia per mantenere l'equilibrio.
Stai parlando di te? Si muovono sempre. Secondo il tuo account Instagram, fai il pendolare tra il Burning Man Festival nel deserto del Nevada, King's Landing, il sito principale della serie televisiva Game of Thrones, le Maldive, le isole greche e, naturalmente, la Scandinavia. Qual è la tua impronta ecologica?
È molto bello che tu lo chieda. Io volo cioè SAS, e ci compensare il CO ₂ emissione di tutti i nostri voli business.
E l'impronta ecologica della tua azienda?
Non ho ancora calcolato, ma sono sicuro che è praticamente nel range negativo. , ,
Come annunciato, eravamo a solo mezz'ora di distanza per questa conversazione. Bjarke Ingels ora deve guidare un gruppo di giornalisti internazionali attraverso The Twist, il museo del ponte privato della Norvegia. Tra un'ora arriverà anche la regina Sonja con la banda di ottoni e i suoi colorati dipinti di paesaggi. Il collezionista d'arte, imprenditore di successo e proprietario del parco di sculture Christian Sveaas la saluta come la sua migliore amica. Prost. Grazie E arrivederci

Riconciliazione con architettura insignificante? Il museo privato norvegese "The Twist" brilla in alluminio, non arte.
Antje Stahl 30.10.2019, 05:30
Un architetto danese si affida alla narrazione
svf. · Bjarke Ingels, nato nel 1974, ha fondato il suo ufficio Bjarke Ingels Group, abbreviato BIG, all'età di 31 anni. Nel frattempo, dopo Copenaghen, la compagnia ha anche sede a New York, Londra e Barcellona, ​​con 17 soci, 26 associati e 15 direttori. La carriera di Ingels iniziò con il boom dell'edilizia abitativa nella parte meridionale della città di Copenaghen, Ørestad, dove dapprima attirò l'attenzione con due edifici figurativi di grandi dimensioni (sotto forma di lettere V e M e poi come paesaggio collinare sopra un garage).
La svolta internazionale è arrivata nel 2009, anche a Ørestad, con la "Casa senza fine" (da non confondere con il lavoro concettuale di Friedrich Kiesler), che non è affatto una casa, ma un intero distretto di case a schiera lungo una strada interna. Questo conduce come un ciclo di Möbius, o proprio come un 8 sdraiato per infinito, attraverso l'enorme struttura. Contrariamente allo scetticismo iniziale dei tradizionali sviluppatori urbani, se il sogno di megastrutture formalistiche non riemerga qui, l'8-House è stata ben accolta dai residenti e, nonostante la sua posizione periferica, un vivace quartiere. L'idea di continuare l'Unité d'habitation di Le Corbusier in un adattamento contemporaneo può essere sentita nelle case a schiera, negli appartamenti e nelle vie di accesso strettamente annidate e collegate. L'unico problema è forse i molti turisti architettonici a cui viene detto alla rampa verso la rampa che le loro visite qui non sono davvero desiderabili.

Tra i numerosi e importanti progetti internazionali che BIG è stato in grado di progettare e implementare parzialmente includono una torre residenziale a forma di piramide a New York e la Lego House a Billund, in Danimarca, che integra la Lego Land danese come hotel. Tutti mostrano non solo il linguaggio pittorico dell'ufficio, ma anche i giochi in scala e talvolta la GRANDE massa. I mattoncini Lego diventano letteralmente il modello di un blocco di case o una spirale ispirata all'orologeria diventa una rampa per gli sciatori di fondo: nel museo dell'orologeria "contemporaneo e tradizionale" con la pensione "Museo Atelier Audemars Piguet" a Le Brassus (Vallée de Joux) nella Svizzera francese , che è attualmente in costruzione e dovrebbe essere aperto nella primavera del 2020. In Svizzera, la conversione e l'estensione del campo di transito di Dreispitz nell'ex magazzino a cielo aperto di Basilea-Münchenstein sono state completate nel 2016.

La mostra "Formgiving" di BIG presso il Danish Architecture Centre di Copenaghen, durerà fino al 12 gennaio 2020.

 


 

 

Stampa Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok Rifiuta