< weniger ist mehr >
(m
eno è più)
(L. Mies v. d. Rohe)

 

Il caso "ITALIA"

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

IL BLOG

15/12/2021 11:22 CET | Aggiornato 17 ore fa

Cosa non è in grado di afferrare Meloni? Tre piccoli esempi

Bipolarismo, destra, patriottismo. Giusto per capire. E per farle capire

Filippo Rossi

Leader Buona Destra

 

 

 

Più ascolto Giorgia Meloni e più si fa grande il dubbio che proprio non riesca a capire alcuni concetti basilari. Perché altrimenti la sua malafede politica sarebbe grande come il suo castello di retorica e propaganda.

Cosa non è in grado di afferrare Giorgia Meloni?
Tre piccoli esempi, giusto per capire. E per farle capire.

Primo. Il mondo che descrive lei, culturalmente e sociologicamente bipolare, esiste solo nella costruzione mentale di un’ex giovane militante che vive della e nella nostalgia di un mondo semplificato. E uniformato. Il suo bipolarismo è un totalitarismo bifronte: due eserciti l’un contro l’altro armati che si legittimano e guerreggiano annullando tutte le differenze. O di qua o di là. Meloni immagina un “campo largo dei conservatori” che si contrappone al “campo largo” che sogna Enrico Letta. Da qui gli ammiccamenti e gli occhiolini. La verità? Come non esiste il primo non esiste nemmeno il secondo. Il loro bipolarismo è un duopolio che vuole uccidere la concorrenza di idee, proposte, culture. Il sogno della Meloni è nella realtà un incubo egalitario in cui tutte le sfumature si riducono a un unicum in cui l’unico parametro di giudizio è la fedeltà a un disegno precostituito, il suo. Per giocare con l’immaginario della destra italiana, il sogno della Meloni assomiglia a quello di Sauron che vuole schiacciare le libertà di vita e di pensiero dei piccoli Hobbit della Contea.

Secondo. No, non esiste una sola destra. Mai è esistita e mai esisterà. E, soprattutto, non è scritto da nessuna parte che le diverse destre debbano per forza essere alleate con un patto di sangue e ferro troppo vicino a una retorica “militare” della politica. Meloni fa diabolicamente finta di non sapere (spero per lei che faccia solo finta!) che la destra gollista francese mai si è alleata con la destra della Le Pen. E fa finta di non sapere che la Cdu tedesca mai si è alleata con gli estremisti di Alternative für Deutschland. L’idea che le due destre, quella liberale moderata e quella sovranista e populista, debbano per forza marciare unite è semplicemente un’idea malsana. O, più terra terra, paracula.

Terzo. Il patriottismo o è cosa di tutti o non è. Il patriottismo non è un’opzione ideologica, è una scelta esistenziale. Il patriottismo “di parte” che descrive la Meloni ha un altro nome, si chiama totalitarismo. Patriottismo è fratellanza, è “voler bene”, è dono di sé. Patriottismo è l’esatto contrario dell’identità forte che va cercando la destra della Meloni. Di più, patriottismo è sacra difesa delle differenze e dei diritti degli individui. Chi utilizza la patria retorica come grimaldello ideologico è, nella realtà, il primo nemico della patria vera, quella fatta di persone che si sentono “famiglia” senza rinunciare alle proprie identità.

Ps. A tutto questo si deve aggiungere un particolare piccolo ma essenziale. Quella che descrive Meloni in ogni sua esternazione (il Parlamento è un pantano?) è un sistema illiberale che tende a ribaltare le regole di una qualsiasi democrazia liberale. Legittimo? Assolutamente. Ma molto, molto pericoloso.



Commento

Si racconta che De Mita, osservando Berlusconi e Fini nel Transatlantico, li vide sfiorrarsi senza nemmeno scambiarsi uno squardo, rivolgersi un saluto, ebbe a dire:" Quei due sono come fratelli siamesi, che pur volendo staccarsi sono costretti a stare insieme". Poi c' è l' altra storia secondo la quale Silvio Berlusconi avrebbe dato 70 miliardi di lire a Umberto Bossi in cambio della sua totale fedeltà. In alcuni appunti si disse che il periodo sarebbe stato quello in cui venne "pignorata per debiti la casa di Bossi", pertanto prima del successo della Casa delle Libertà nelle elezioni del 2001. Erano i tempi, quando i due si scambiavano bombe di merda e Bossi diceva di Berlusconi con una dichiarazione all' Ansa: "È un mondo di merda, a uno gli passa la voglia di far politica>. E Berlusconi di rimando: "Io ho dato mandato di querelare questa persona e mi domando come facciano a uscire simile cose. L' hanno fatto apposta per fare danni politici, Berlusconi è uno che non tira fuori un soldo per pagare i manifesti elettorali, figirasi se tira fuori dei soldi per la Lega". E allora mi chiedo: cosa ci può essere dietro la storia del patriotismo della Meloni e dei Fd'I.? Qualcuno incominci a farci un pensierino su, piché nelle prossime settimane ne sentiremo di buone. Da parte mia, Concittadino Italiano (Italienischer Mitbürger) che da 50 anni vive e lavora nella seria Germania (architetto), mi vergogno di "questa" italia. Io, come chissà quanti altri italiani, voglio la mia ITALIA. E, presto o tardi, me la riprenderò, per non pensare a cosa si sussurra a Bruxelles sulle sporcizie italiane e all' idea di un Gentiloni o di un Casini Capo dello Stato.

 

 

 p.s.

Mi auguro che il redattore-capo, Mattia Feltri, non censuri il mio commento, tendo conto che è dotato di passaporto internazionale.

Su: Huffingtonpost.it

16.12.2021

 

Che qualcuno abbia ricordato a Berlusconi le inchieste "Pizza Collection" e Mato Grosso".? Se lo ha fatto, ha fatto bene, anche se almeno gli italiani devono sapere. E sapranno con ricchezza di dettagli.Sarà che molte fanciulle gli scriveranno letterine dello stile: "Caro Papi Natale". Non si sa mai, considerata la generosità del papi avuta in passato per le ol(g)gettine. Che tenerezza . . . . e quanta schifezza!

 

Attento, Mattia Feltri, non censurare. "Uovo" avvisato, mezzo salvato. Italia "überalles".

 

 

 

 

 

 

 

Stampa Email

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.