< weniger ist mehr >
(m
eno è più)
(L. Mies v. d. Rohe)

 

THE COVID PANDEMIC: international conspiracy or unforgivable sin of homo aeconomicus?

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

HUFFPOST / CHRONICLE

04/01/2021 11:43 CET

Pollution does not favor the spread of Covid: the Cnr study

and Arpa Lombardia

The first wave of the pandemic affected mainly northern Italy. Experts wonder why, but a role of smog should be ruled out

 

. . .

 

 

Milan in the smog

 

Bergamo in the smog



Instead it is there, oh dishonest ones from all over the world Combustion of methane with production of CO2 released into the streets and squares of my <I - 90013 Castelbuono> and all of Italy, except Alto-Adige / Sudtirolo, with the strong point of the South Center, + "radon" gas are second valid scientists whose mouths have been shut, as generators of the COVID pendemia and other disasters to come that will accompany the tortuous path of our (and not only) planet, if if the ways to protect the environment do not change, build the houses on a human scale and scale, making cars move by electric motors. Vaccination in the manner proposed by certain strategists is a bluff. We need other vaccines and, above all, to deepen the study of Ethics according to the philosopher of Königsberg: Immnuel Kant Kant.

I mentioned the emission of CO2 in the public spaces of my Castelbuono and throughout Italy. How did the shame happen? Meanwhile, due to the asinism of self-styled engineers and architects baked by self-styled Italian universities and then the dishonesty and complicity of parasitic but well-paid politics, with dirty industrial capitalism that continues to think of itself and not of the common good in the production of machinery and materials for the home and for industry, in its various articulations.

Am I wrong, dear Italian Facebook pasradan, or am I writing a certain truth? Contradict me with evidence of fact if I am wrong.

Yes, Castelbuono as an Italian metaphor. The boilers for the production of domestic heating and hot water were mounted at eye level on the external walls of the residential buildings of the "terraced" townhouse recurring in the building fabrics of the "closed" type of the city. Italian historian.

To produce domestic heating and hot water, methane was used: a colorless, odorless, flammable gas. Methane (CH4) is insoluble in water which forms explosive mixtures in contact with air. It burns with a bluish light flame in the presence of sufficient oxygen to produce carbon dioxide (CO2) and water. I don't go any further. The poisonous exhaust gas (CO2) has not been, and is being introduced, as prescribed in the serious and orderly Germany by the "regional" building regulations (public building law), into special flue pipes in "stainless steel" sheet, for the outside, or in fireplaces built in a workmanlike manner and controlled by qualified and authorized "chimney sweeps" (a figure born in medieval Venice), for the inside. ducts up to approx. 60 cm beyond the ridge line of the buildings. None of this in the chaotic and corrupt Italy of <you eat and I eat too> which in the encrusted conditions in which it finds itself will have to manage a Recovery Fund which, perhaps, will see the twilight. Therefore public space <common good> used as a carbon dioxide dump in the silence of malapolitica, Councils and (dis) professional orders of archh., Ingg. (all doctors and deott. sse of the "c.. .o") and geomm. (these simple and graduates), municipal technical offices crammed with ignorant and nothing.

Who will have to investigate, in the meantime, to provide the judiciary with evidence of a similar attack on the health of citizens and open the doors of the cells in which to serve 45 trio years for politicians and representatives of the institutions of the Republic born from the fight against Fascism and seize their assets accumulated in 75 years of underworld? Certainly not GdF and CC., Who have given, and continue to give, proof of their "purity". All that remains is the humble Police to whom to entrust everything and, if necessary, also the fight against tax evasion, while the armada corps, divisions, brigades, groups and subgroups of officers with lavish end-of-service "bonuses", and their children., being the weapon only that constituted by the diligent non-commissioned officers and carabinieri, deliver, with all the necessary reservations, the defense of the homeland and its borders.

At this point I ask myself, and I also ask for the purposes of the jurists Mattarell and Conte, how to regulate the fact in my Castelbuono, a metaphor for the misdeeds consummated, and which continue to be consumed, throughout Italy?

We are not in the presence of a shame of immense dimensions that brings into play the smog pollution of all the cities of the world and of Milan, the moral capital of "this" Italy, in addition to opening the still closed book on the real and authentic causes of the pandemic for Sacra Corona-COVID and not for alleged international conspiracies. <What to do?> Lenin would ask himself once again.

His recipe adopted for the Tsar and Family and the exploiters of the people, without yet approaching certain recipes of the <primo> Fascism could provide some good inspiration in homage to the essay: extreme cures for extreme evils to be able to eradicate them.

In the meantime, let's savor the shame of and in mine <I-90013 Castelbuono> in the certainty of someone's tears, what a "cry" of bitter tears must be, if we want to restore dignity to Justitia and honor to Italy.

To the causes of COVID - as a universal pandemic from which it will not be easy to get out of it due to the arrival of other pandemics wanted by homo aeconomicus and imposed by dishonest industrial and state capitalism - that Facebook pasradan provide at the service of the world dome of the underworld .



 

 

 



 

 

Stampa Email

Die COVID Pandemie: internationale Verschwörung oder unverzeichliche Sunde des Homo aeconomicus?

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

HUFFPOST / CHRONIK

04/01/2021 11:43 CET

Die Umweltverschmutzung begünstigt nicht die Verbreitung von Covid: die Cnr-Studie

und Arpa Lombardia

Die erste Welle der Pandemie betraf hauptsächlich Norditalien. Experten fragen sich warum, aber eine Rolle von Smog sollte ausgeschlossen werden

 

Mailand in dem Smog

 

 

 

 

Bergamo in dem Smog

 . . .

Stattdessen ist es da, oh unehrliche aus der ganzen Welt. Die Verbrennung von Methan mit der Produktion von CO2, das auf den Straßen und Plätzen meines <I - 90013 Castelbuono> und ganz Italiens mit Ausnahme von Südtirol / Sudtirolo mit der Stärke des Südzentrums freigesetzt wird, ist das "Radongas" an zweiter Stelle gültige Wissenschaftler, deren Mund geschlossen wurde, als Erzeuger der COVID-Pendemie und anderer künftiger Katastrophen, die den gewundenen Weg unseres (und nicht nur) Planeten begleiten werden, wenn sich die Möglichkeiten zum Schutz der Umwelt nicht ändern, bauen Sie die Häuser im menschlichen Maßstab, die Autos mit Elektromotoren bewegen. Die Impfung in der von bestimmten Strategen vorgeschlagenen Weise ist ein Bluff. Wir brauchen andere Impfstoffe und vor allem, um das Ethikstudium nach dem Philosophen von Königsberg zu vertiefen: Immnuel Kant Kant.

Ich erwähnte die CO2-Emission im öffentlichen Raum meines Castelbuono und in ganz Italien. Wie ist die Schande passiert? In der Zwischenzeit für den Unsinn selbsternannter Ingenieure und Architekten, die von selbsternannten italienischen Universitäten gebacken wurden, und dann für die Unehrlichkeit und Komplizenschaft der parasitären Politik, aber gut bezahlt, mit schmutzigem Industriekapitalismus, der weiterhin an sich selbst und nicht an das Gemeinwohl bei der Herstellung von Maschinen denkt und Materialien für zu Hause und für die Industrie in ihren verschiedenen Artikulationen.

Liege ich falsch, lieber italienischer Facebook-Pasradan, oder schreibe ich eine bestimmte Wahrheit? Widersprechen Sie mir mit Tatsachenbeweisen, wenn ich falsch liege.

Ja, Castelbuono als italienische Metapher. Die Kessel zur Erzeugung von Haushaltsheizung und Warmwasser wurden auf Augenhöhe an den Außenwänden der Wohngebäude des "terrassierten" Stadthauses montiert, die in den Bausubstanzen des "geschlossenen" Stadttyps wiederkehrten. Italienischer Historiker.

Zur Erzeugung von Haushaltsheizung und Warmwasser wurde Methan verwendet: ein farbloses, geruchloses, brennbares Gas. Methan (CH4) ist wasserunlöslich und bildet in Kontakt mit Luft explosive Gemische. Es brennt mit einer bläulich leichten Flamme in Gegenwart von ausreichend Sauerstoff, um Kohlendioxid (CO2) und Wasser zu produzieren. Ich gehe nicht weiter Das giftige Abgas (CO2) wurde und wird nicht, wie es im seriösen und geordneten Deutschland durch die "regionale" Bauverordnung (öffentliches Baugesetz) vorgeschrieben ist, in spezielle Rauchrohre aus "Edelstahl" -Blech für die außen oder in handwerklich gebauten Kaminen, die von qualifizierten und autorisierten "Schornsteinfegern" (eine im mittelalterlichen Venedig geborene Figur) für innen kontrolliert werden. Kanäle bis ca. 60 cm hinter der Firstlinie der Gebäude. Nichts davon im chaotischen und korrupten Italien von <du isst und ich esse auch>, das unter den verkrusteten Bedingungen, unter denen es sich befindet, einen Wiederherstellungsfonds verwalten muss, der vielleicht das Zwielicht erleben wird. Daher wird der öffentliche Raum <Gemeinwohl> als Kohlendioxid-Deponie in der Stille von Malapolitica, Räten und (dis) professionellen Ordnungen von Archh., Ingg. (alle Ärzte und Deott. sse der "c .. .o") und geomm. (diese einfachen und Absolventen), städtische technische Büros voller Unwissender und nichts.

Wer muss in der Zwischenzeit Ermittlungen durchführen, um der Justiz Beweise für einen ähnlichen Angriff auf die Gesundheit der Bürger zu liefern und den Politikern und Vertretern der Institutionen der Republik, die aus dem Kampf gegen den Faschismus hervorgegangen sind, 45 Türen zu dienen und ihr Vermögen zu beschlagnahmen? in 75 Jahren Unterwelt angesammelt? Mit Sicherheit nicht GdF und CC., Die ihre "Reinheit" bewiesen haben und weiterhin beweisen. Alles, was bleibt, ist die bescheidene Polizei, der alles anvertraut wird und, falls erforderlich, auch der Kampf gegen Steuerhinterziehung, während das Armada Corps, Divisionen, Brigaden, Gruppen und Untergruppen von Offizieren mit hohen "Boni" am Ende des Dienstes und Ihre Kinder, die nur die Waffe der fleißigen Unteroffiziere und Carabinieri sind, liefern mit allen notwendigen Vorbehalten die Verteidigung des Heimatlandes und seiner Grenzen.

An dieser Stelle frage ich mich und auch die Juristen Mattarell und Conte, wie ich die Tatsache in meinem Castelbuono regeln kann, einer Metapher für die in ganz Italien vollendeten und weiterhin konsumierten Missetaten.

Wir sind nicht in der Gegenwart einer Schande von immensen Dimensionen, die die Smogverschmutzung aller Städte der Welt und von Mailand, der moralischen Hauptstadt "dieses" Italiens, ins Spiel bringt und zusätzlich das noch geschlossene Buch über das Reale und das Öffnen öffnet authentische Ursachen der Pandemie für Sacra Corona-COVID und nicht für angebliche internationale Verschwörungen. <Was tun?> Lenin würde sich noch einmal fragen.

Sein Rezept für den Zaren und die Familie und die Ausbeuter des Volkes, ohne sich noch bestimmten Rezepten des <primo> -Faschismus zu nähern, könnte eine gute Inspiration für die Hommage an den Aufsatz sein: extreme Heilmittel für extreme Übel, um sie ausrotten zu können.

Lassen Sie uns in der Zwischenzeit die Schande und in meinem <I-90013 Castelbuono> in der Gewissheit der Tränen eines Menschen genießen, was für ein "Schrei" bitterer Tränen sein muss, wenn wir Justitia die Würde und Italien die Ehre zurückgeben wollen.

Zu den Ursachen von COVID - als universelle Pandemie, aus der es aufgrund der Ankunft anderer Pandemien, die vom Homo aeconomicus gewünscht und vom unehrlichen Industrie- und Staatskapitalismus auferlegt werden - nicht leicht herauskommen wird -, die Facebook-Pasradan im Dienste der Weltkuppel der Unterwelt bietet .

 

 

 

 

 

 

Stampa Email

Chi è Michael Bordt, SJ?

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

Ignazio di Loyola

 

Michael Bordt, SJ

 

Queste notizie si riferiscono al filosofo Michael Bordt. Il calciatore con lo stesso nome può essere trovato sotto Michael Bordt (calciatore).

 

Michael Bordt SJ (nato il 28 aprile 1960 ad Amburgo) è un gesuita e filosofo tedesco. Dal 2011 è direttore dell'Istituto di Filosofia e Leadership presso l'Università di Filosofia, Monaco.

 

Dopo il diploma di scuola superiore e il servizio alla comunità ad Amburgo, Michael Bordt ha studiato teologia all'Università di Amburgo dal 1981 al 1983 e dal 1983 al 1985 presso l'Università filosofico-teologica di St. Georgen, Francoforte.

 

Dopo aver conseguito il diploma intermedio, è passato alla filosofia, che ha studiato presso l'Università di Filosofia di Monaco di Baviera dal 1985 al 1988 e si è laureato in filosofia con una tesi sul „concetto di essere“ nei sofisti di Platone.

 

Nel 1988 è entrato nell'ordine dei Gesuiti, ha completato gli studi di teologia dal 1990 al 1992 presso l'Università Ludwig Maximilians di Monaco e dal 1992 al 1993 presso l'Università Filosofico-Teologica di St Georgen, Francoforte.

 

Nel 1994 è andato all'Università di Oxford e lì ha conseguito il dottorato nel 1997 con un commento alla Lysis di Platone. Il suo supervisore era Michael Frede.

 

Nel 1999 ha fondato il <Munich Aristotle Circle>, nel 2001/2 ha ricevuto una borsa di ricerca presso l'Università di Princeton e nel 2003 ha ottenuto l'abilitazione all'Università di Friburgo con una monografia sulla teologia di Platone.

 

Bordt lavora presso l'Università di Filosofia di Monaco dal 1997, dal 2004 come professore di estetica, antropologia filosofica e storia della filosofia (punto focale sull'antichità).

 

Dal 2005 al 2011 Bordt è stato Presidente dell'Università di Filosofia, dal 2011 è direttore dell'Istituto di Filosofia e Leadership, il cui compito, oltre all'insegnamento e alla ricerca, è quello di supportare e formare manager in posizioni apicali e imprese familiari.

 

Finanziato dalla Fondazione Karl Schlecht, l'istituto ospita accademie per giovani fondatori, start-up, figli e figlie di aziende familiari e studenti di grande talento nelle materie MINT più volte all'anno.

Stampa Email

Michael BORDT, SJ e l' intervista concessa al quotidiano tedesco DIE WELT

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Le menti più brillanti della Chiesa cattolica si trovano spesso abbastanza con gesuiti. All'Università di Filosofia di Monaco.

Michael Bordt ha fondato il Berchmans College a Pullach, gesuiti e docenti che non appartengono all'ordine insegnano e filosofano, credenti cattolici e marxisti atei. È un luogo di trasmissione rigorosa della conoscenza e di un'intellettualità senza moda. Michael Bordt è stato rettore dell'università per sei anni e ora è a capo di un istituto di formazione per dirigenti. È a casa in molti mondi.

Ma chi è Michael Bordt, l' Incoraggiatore, come lo ha definito la giornalista tedesca Sibille Maas in un articolo pubblicato sulla Sueddeutsche Zeitung del 23 us.? Intanto assaporiamolo nelle lunga intervista quì di seguito concessa all' autorevole quotidiano tedesco DIE WELT. 

 

. . .

 

-Die Welt: Nel suo discorso alla conferenza del partito a Karlsruhe, Angela Merkel ha descritto il 2015 come estremo, anche per chi ha vissuto una crisi: da "Charlie Hebdo" al crollo di Germanwings alla crisi dei rifugiati. Come hai vissuto l'anno?

-Bordt: Sì, è stato un anno difficile e molto faticoso. Non solo per i tanti eventi, la crisi greca e il secondo attacco di Parigi, bisognerebbe aggiungerlo, ma anche perché era molto difficile trovare una guida su questi temi.

Basti pensare ai terribili attentati di Parigi, e potresti aggiungere altri attacchi: sono davvero atti di terrorismo come interpretati dalla politica e dai media, cioè atti ideologicamente illusi che vogliono solo creare paura e orrore, o, per esempio, Papa Francesco ha detto che dobbiamo intendere gli omicidi piuttosto nel contesto di una guerra in corso, cioè come un crimine di guerra?

-Die Welt:" Fa parte dell'identità creare il massimo"

Il mondo: E?

-Bordt: Se si trattasse di omicidi nel contesto di una guerra, ovviamente non perdono nulla nel loro orrore, ma possono essere interpretati in modo diverso. Con i terroristi, non devi affrontarne le ragioni. Sarebbe diverso in caso di guerra. Devi quindi capire la guerra e il ruolo che l'Europa sta giocando in questa guerra.

E poi tutto diventa improvvisamente molto più complesso. Hai a che fare con lo Stato Islamico , con gli sviluppi in Iraq, con il conflitto in Siria - e non è facile ottenere informazioni pertinenti, solide e buone.

-Die Welt: Va bene.

-Bordt: Oppure pensa alla solidarietà europea richiesta dai politici tedeschi con potenti armi morali nelle ultime settimane - è la Germania economicamente potente e politicamente potente sul punto di imporre la sua volontà ad altri paesi europei in modo che la visione tedesca dell'Europa non sia in pericolo - o il motivo fondamentale è davvero l'obbligo morale percepito di offrire ai rifugiati in fuga dal terrorismo e dalla guerra una casa sicura?

-Die Welt: Perché ne dubiti?

-Bordt: L' anno scorso, è stato spesso utile per me parlare con amici gesuiti di altri paesi europei e ascoltare come percepiscono la politica tedesca. Oppure leggi la stampa estera su Internet. Ovviamente vedrai cosa viene discusso qui con occhiali completamente diversi. Ora posso capire che altri paesi hanno l'impressione che vogliamo imporre loro la nostra volontà in nome della moralità. Il mondo dovrebbe riprendersi ancora una volta con l'essere tedesco, solo questa volta per il meglio?

-Die Welt: Come percepisci il dibattito in Germania in questo momento? Che tipo di nazione creiamo?

-Bordt: Un confronto con altri paesi mostra che la grande forza della Germania è anche la sua grande debolezza: la forte enfasi sulla moralità e l'etica nella discussione pubblica. Certo è un punto di forza. Basti pensare al fatto che le persone bisognose non vengono allontanate ai nostri confini, a parte il fatto che questo non sarebbe nemmeno tecnicamente possibile. Fa parte dell'immagine di sé della nazione che questo sia corretto, con tutte le difficoltà che questo comporta e che sono ora in discussione.

-Die Welt: Il motivo dell'ammissione ha anche un imperativo umanitario, come lo chiamava Merkel.

-Bordt: Sì. La ragione dell'inclusione è morale. Si tratta di aiutare coloro che soffrono di guerre, torture, persecuzioni - e questo è certamente il nucleo della moralità e dell'etica. Naturalmente, ci si può chiedere se questo non avrebbe potuto essere prevenuto dai politici con lungimiranza, ma era troppo tardi per quello.

Ci sono anche altre, come diciamo noi filosofi, ragioni non morali per accettare i rifugiati, come ragioni economiche e demografiche. Ma questi motivi non sono in primo piano quando si prende la decisione. Non prendono la decisione più corretta, ma al massimo la supportano. Ma l'enfasi sulla moralità ha anche un lato negativo.

-Die Welt: quali?

-Bordt: Ciò porta al fatto che nelle discussioni pubbliche gli argomenti fattuali non vengono più soppesati e si pensa che le questioni fattuali siano affrontate con l'etica. È tutto moralmente giusto e sbagliato. Con tutto il forte di indignazione, scandali e condanne che questo porta con sé. C'è stato un periodo in estate in cui le controversie sui fatti erano decisamente tabù, c'erano solo appelli del Cancelliere, del Presidente federale, dei media, delle chiese.

L'enfasi sulla moralità porta a pensare di potersi risparmiare le dure e difficili discussioni sui fatti. E questo è spesso un grosso errore. La valutazione della situazione attuale dipende, ad esempio, da chi è fuggito da noi e quali erano le sue motivazioni. E lì sappiamo ancora troppo poco. Naturalmente, una ragione morale ha un peso nel processo decisionale, ma come una ragione tra le altre.

-Die Welt: Puoi spiegarlo in modo più dettagliato?

-Bordt: Le ragioni morali devono essere valutate rispetto ad altre ragioni, come quelle economiche o politiche. E quando poi ti rivolgi ai problemi reali, alle domande fattuali, spesso scopri che la tua stessa valutazione morale non aggiunge molto di nuovo ai fatti o è effettivamente ovvia.

Il fatto che le auto elettriche siano prodotte, ad esempio , non è perché l'industria automobilistica abbia improvvisamente scoperto l'etica o si senta moralmente obbligata a farlo di fronte ai cambiamenti climatici, ma piuttosto che prima o poi nessuno in Cina vorrà andare nelle città smog. vivere se c'è un'alternativa. E quelli che possono offrire questa alternativa a prezzi ragionevoli hanno vinto.

-Die Welt: L'enfasi sulla moralità è una tendenza molto protestante in una Repubblica federale che è stata molto protestante sin dalla riunificazione, con le

sue vette molto protestanti Gauck e Merkel?
-Bordt: Almeno nella discussione pubblica non vedo alcuna differenza tra i rappresentanti della Chiesa cattolica e quella protestante. Entrambi riguardano il tentativo di essere presenti in una discussione pubblica e di mostrare rilevanza. E questo attraverso questioni di etica e morale.

"La violenza e l'odio non sono un mezzo legittimo"

La Chiesa cattolica non è in alcun modo inferiore alla Chiesa evangelica. Che sia il signor Gauck che il dott. Il padre della Merkel era un pastore che potrebbe avere un ruolo in questo momento, ma penso che le conseguenze della seconda guerra mondiale siano più significative. Dobbiamo dimostrare a noi stessi e al mondo che non possiamo più rappresentare una minaccia. E parte di questa prova è che vuoi farlo moralmente giusto.

-Die Welt: In qualità di filosofo e teologo, come affronti l'accumulo di sofferenza?

-Bordt: Beh, la scienza non aiuta. Per l' incidente aereo, ad esempio, non esiste una spiegazione filosofica o teologica che renda tutto in qualche modo più comprensibile e quindi forse un po 'più facile da sopportare. Quando si tratta di affrontare la sofferenza, lasciarla avvicinare a te, non indurirla e chiuderla dentro, la preghiera e la meditazione mi aiutano personalmente.

Non si tratta di prendere un volo verso l'interno e di liberarsi della sofferenza come una veste mentre si medita, ma al contrario di riconoscere la sofferenza per quello che è. Per rimanere empatico. Quindi lasciare che la sofferenza arrivi a te, non reprimerla più.

-Die Welt: E come funziona?

-Bordt: Meditazione cristiana significa entrare in un campo di tensione - da un lato lasciare che la sofferenza ti sia vicina, dall'altro collegare questa sofferenza al messaggio che tutta la sofferenza è al sicuro nelle mani di Dio, niente da noi. L'amore di Dio può separarsi. Questa tensione non può essere rilasciata da un lato, rimane. Basti pensare a quello che abbiamo festeggiato a Natale, anche lì avete questi due lati: da una parte tutta la miseria di una nascita in una stalla, dall'altra il coro degli angeli, che proclamano pace e salvezza. Oppure pensate alla Pasqua: la croce e la risurrezione vanno di pari passo.

Quindi in realtà è un modo di affrontare la sofferenza, non di affrontarla, così che alla fine ci sarebbe libertà dalla sofferenza che il cristianesimo rende possibile. È proprio che non c'è spiegazione per la sofferenza che trovo forza. Perché se riesco a spiegarlo e capirlo, l'ho classificato e ho bisogno di caricarmene molto meno.

-Die Welt: Come percepisci la Germania nel trattare con i rifugiati?

Il rifugiato ringrazia la Germania e i volontari

Molti aiutanti si occupano anche dei rifugiati in Germania alla vigilia di Natale. Mostrano la loro gratitudine con gesti speciali. Come un siriano della Bassa Sassonia con una lettera commovente (Fonte: The World).

-Bordt: L'incredibile miseria, la miseria di molti rifugiati ha causato grandi cose in molte persone, disponibilità ad aiutare - onestamente non avrei pensato che fosse possibile in questa forma. E non si trattava solo di eventi nelle stazioni ferroviarie. Ci sono innumerevoli persone che lavorano ogni giorno per garantire che i rifugiati possano almeno avere un po 'di senso di casa, accettazione e sicurezza qui. In effetti, ho trovato qualcos'altro molto preoccupante.

-Die Welt: E quello?

-Bordt: Non i molti rifugiati, ma la discussione politica sui rifugiati. Ne ho già parlato: nel corso delle settimane si è assistito a un declino estremamente problematico di una cultura democratica della discussione. A volte non è stato nemmeno possibile segnalare pubblicamente difficoltà e problemi che sono o potrebbero essere collegati all'arrivo dei profughi.

Un giornalista di un quotidiano nazionale mi ha detto che riferire negativamente sui rifugiati non era politicamente desiderabile dal giornale. Grazie a Dio ora è cambiato. Alla fine dell'anno, ho molta più fiducia nel processo politico rispetto a pochi mesi fa.

-Die Welt: I tedeschi - per citare uno dei titoli dei tuoi libri - scoprono l'arte di sopportare se stessi nel volontariato?

-Bordt: Sì, c'è qualcosa in esso. Il volontariato dà significato alle persone. Dà significato alla tua vita fare qualcosa che conta ed è importante per le altre persone. In questo modo si sfugge al vuoto interiore, alla noia. Si sfugge girando intorno a se stessi, una depressione latente. Sai cosa fare della tua vita e fai qualcosa insieme ad altre persone. Certo, può anche essere una fuga da te stesso, ma non deve esserlo.

-Die Welt: Ha qualcosa a che fare con la nostra storia?

-Bordt: Ho trovato interessanti alcuni commenti dello scorso anno che indicavano l'odio di sé dei tedeschi, cioè che nella gioia dell'arrivo dei rifugiati c'è anche l'odio per la propria nazionalità e per la storia tedesca. Che la cattiva coscienza collettiva dei tedeschi deve rimediare a qualcosa.

Non sono uno psicologo sociale e non posso davvero giudicare se sia vero, ma come parte della spiegazione, mi sembra plausibile. Questa interpretazione è supportata anche dal fatto che alcuni giustificano il loro impegno dicendo che non vogliono essere lasciati a mani vuote quando i loro figli chiedono loro in seguito cosa hanno fatto per i rifugiati.

-Die Welt: All'Istituto di filosofia e leadership di Monaco, di cui sei presidente, lavori molto con i dirigenti del top management. Come vedi l'operato del Cancelliere?

-Bordt: Se la politica e la leadership hanno qualcosa a che fare con la capacità di trasformare in realtà la propria visione di come dovrebbe essere la realtà, allora il Cancelliere ha a che fare con la transizione energetica, nonché con il conflitto in Ucraina e nel Accoglienza della leadership dei rifugiati mostrato. Ciò non significa che devi trovare le loro decisioni giuste. Ma anche se la trovi sbagliata, non potrai negare il suo manager su questi punti.

L'approvazione per la politica di asilo della Merkel è di nuovo in aumento.

L'approvazione della politica sui rifugiati della cancelliera Angela Merkel sta migliorando di nuovo. Secondo l'ARD "tendenza Germania", il 42% dei tedeschi è soddisfatto del proprio corso. (Fonte: The World).

E all'interno del suo stesso partito è riuscita a eliminare tutti i possibili concorrenti e a consolidare sempre di più il suo potere. Ci si potrebbe chiedere quanto sia utile per la sua festa, ma per restare al potere agisce con saggezza. Se ciò sia saggio è, ovviamente, una questione completamente diversa.

-Die Welt: Hai scritto un libro molto denso sulle possibilità di capire te stesso. Prima di questa fuga dall'io, come valuti l'uso dei media digitali?

-Bordt: Stiamo appena iniziando a imparare a utilizzare i media digitali. Alcune cose sono eccessivamente drammatizzate. Puoi fuggire da te stesso in un numero infinito di modi, che è sempre esistito, e i media digitali sono solo uno dei tanti altri modi. In questo contesto, il filosofo Martin Heidegger ha parlato del fatto che viviamo nella modalità "uno".

-Die Welt: Puoi spiegarlo?

-Bordt: Coloro che vivono nella modalità "uno" fanno quello che fanno tutti - o almeno tutti nel gruppo a cui si vorrebbe appartenere. Pensi e vivi come tutti pensano e vivono. Non cerchi la tua vita, la tua opinione, la tua voce. A uno piace ciò che tutti pensano sia buono. Nuoti con la folla. Ha poco a che fare con una vita individuale e autodeterminata.

-Die Welt: Ma?

-Bordt: Uno va in mezzo alla folla, nell '"uno". Ma questo significa: fuggi te stesso, dalla tua individualità. Quindi, se questa è l'effettiva fuga dal sé, allora non sono tanto i media digitali a rendere difficile l'autodeterminazione. Nel libro "The Art of Understanding Yourself", cose completamente diverse sono in primo piano.

Ad esempio, la pressione per compiacere altre persone o per essere politicamente corretti. Se cedi a tale pressione senza pensarci, stai fondamentalmente solo balbettando su ciò che gli altri vogliono sentire. Lo stesso vale ovviamente per l'aggressiva opposizione al politicamente corretto: qui sei altrettanto coinvolto nella pressione, reagisci in modo diverso ad essa.

Costringersi a venire al proprio giudizio, a mettere in discussione il proprio uso linguistico - ad esempio se gli attacchi a Parigi sono stati effettuati da terroristi o criminali di guerra - che porta a formare il proprio giudizio e condurre la propria vita. Anche se a volte può essere estenuante. E significa anche non avere un'opinione chiara e ferma su molte cose, perché avere un'opinione ferma in molti casi dimostra solo che non si è adeguatamente informati. Un simile atteggiamento ovviamente non è molto popolare - un'assurdità nella nostra cultura dei talk show!

-Die Welt: I senzatetto trascendentali rendono le persone ancora più frenetiche nella fuga dal loro sé interiore?

-Bordt: Se per senzatetto trascendentale intendi che le persone non sanno più di cosa si tratta, allora o il ritiro depressivo o la frenesia esagerata è una fuga da se stessi. Ma questo non significa che tutto sia una fuga dal sé. può essere compreso. Farsi coinvolgere, come abbiamo già detto, può ovviamente essere una fuga da te stesso.

Allora hai una sindrome dell'aiutante, non senti di valere nulla, fai qualcosa per gli altri per ottenere da loro il riconoscimento di cui hai bisogno per te stesso perché hai un'autostima così debole.

-Die Welt: Ma c'è un altro modo?

-Bordt: Sì, puoi anche aiutare perché pensi che sia giusto fare qualcosa per le persone bisognose. Il motivo quindi è in realtà che voglio fare qualcosa per qualcun altro e non che voglio evitare me stesso. Se vuoi conoscere la tua motivazione, un buon test è chiederti come gestisco la frustrazione e il rifiuto. Se mi innervosisco rapidamente quando il mio aiuto viene rifiutato, allora vale la pena dare un'occhiata più da vicino a te stesso e chiederti se il mio aiuto riguarda me o l'altra persona.

NON ABBIAMO BISOGNO DI POLITICI DISABILI, ASSISTENTI SOCIALI, NESSUN MORALISTA NELLE CHIESE

-Die Welt: Che possibilità offre questo alla Chiesa?

-Bordt: Offre alle chiese una possibilità per il futuro se diventano un luogo dove le persone possono sperimentare spiritualità, profondità e speranza. Ciò significa che i sacerdoti, i pastori, gli ufficiali parrocchiali devono essere prima di tutto persone spirituali. Devi essere in grado di sentire che vivono da profonde radici in Dio.

Nelle chiese non abbiamo bisogno di politici a cui sia impedito di fare qualcosa, nessun assistente sociale, nessun moralista, ma soprattutto clero, persone spirituali che possono aiutare altre persone a trovare la propria casa interiore. Perché qualcosa del genere non diventi fondamentalista e pio, occorre una seconda cosa: l'educazione. Tutto l'impegno sociale creativo nasce da una spiritualità così profonda combinata con il dibattito intellettuale. La carità è quindi una risposta, non una richiesta etica.

-Die Welt: Cosa significa questo specificamente per la Chiesa cattolica ?

-Bordt: Con la Chiesa cattolica mi sembra che dopo l'enciclica Humanae vitae, ma al più tardi dopo lo scandalo degli abusi, le persone semplicemente non vogliono più ascoltare alcun messaggio morale dai rappresentanti della chiesa. Inoltre, c'è il problema strutturale fondamentale della discriminazione contro le donne e una visione spesso irrealistica delle questioni della sessualità e del matrimonio.

Si può rimpiangere che la chiesa abbia perso completamente la sua autorità sull'etica - a meno che la chiesa non rappresenti ciò che si crede sia giusto in ogni caso o fornisca alla politica una sorta di benvenuta sovrastruttura morale o fondamento - ma forse c'è anche un'opportunità in questo.

-Die Welt: quale?

-Bordt: La possibilità che le persone abbiano persino l'idea di cercare e trovare una spiritualità sostenibile all'interno delle chiese. E ciò significa che nella loro ricerca della spiritualità non devono lasciare la casa spirituale di una cultura modellata dall'occidente. Non devi diventare un buddista per meditare.

Per non fraintendermi: non ho nulla contro il Buddismo se è vissuto seriamente. Ma se vuoi sviluppare la tua pratica meditativa, la tua spiritualità e quindi vuoi anche arrivare alla profondità completa dell'esperienza, prima o poi devi fare affidamento sulla spiritualità che viene compresa. E lì è più facile rimanere nel quadro cristiano-occidentale, in cui, ad esempio, la libertà e la responsabilità sono centrali per la nostra immagine di sé come esseri umani.

La libertà e la responsabilità sono solo una parte della nostra immagine dell'uomo occidentale-cristiana e non possono essere trovate in questa forma in altre religioni. Per la necessità di un'unità di pensiero e spiritualità, di pensiero e credenza, questo non è un vantaggio da poco. Altrimenti, l'unica cosa che rimane è vivere in due mondi e quindi privarsi anche della profondità dell'esperienza spirituale, che da un certo punto dipende dalla comprensione.

 

Stampa Email

Corona e la Chiesa: raramente un incidente arriva solo

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il cristianesimo ecclesiastico è in tre modi collegato alla pandemia della corona

entrare in crisi: in crisi delle sue idee, delle sue pratiche e dei suoi luoghi. Quali aspettative hanno effettivamente le persone da una chiesa presente in modo affidabile?

 

Christian Albrecht , Professore di teologia pratica presso la Facoltà teologica protestante dell' Università Ludwig Maximilians di Monaco (LMU), Germania

 

NZZ, Neue Zürcher Zeitung, 25 dicembre 2020, ore 5.30

 

 

 

La vita cristiana consiste di tre elementi essenziali: idee tradizionali, pratiche consolidate e luoghi visibili. Sono strettamente interconnessi: se una cosa si indebolisce, tutti ne soffrono. Il Natale in condizioni Corona mostra che tutti e tre gli elementi sono attualmente esposti a enormi shock - con un esito aperto Prima di tutto, sorge la domanda: quale idea confortante, orientante, stabilizzante il cristianesimo sta contrastando le incertezze causate dalla pandemia? L'immagine di Dio che trasuda amore puro, che governa tutto così magnificamente, si rivela almeno ingenua di fronte a persone morenti senza fiato, montagne di bare nei cortili delle cliniche e piccole famiglie rinchiuse nella frenesia natalizia. Ma anche i tentativi opposti di interpretare la crisi della Corona come un segno divino per la crisi molto più grande, la crisi della fede, e per abbellire le immagini di un Dio arrabbiato, un mondo disinibito e una persona che è giustamente punita per il consumo sfrenato del peccato, non confortano o aiutano davvero .

Il messaggio delle chiese cristiane

Cosa dici quando sei impotente? Come dovrebbe essere costituita un'immagine cristiana di Dio, dell'essere umano, della visione del mondo che non si limiti a consolare o invocare, affermare o minacciare, ma convince per plausibilità intellettuale e quindi rafforza e sostiene le persone? In ogni caso, sorge enfaticamente la questione attuale in che cosa consista effettivamente il messaggio delle chiese cristiane - in altre parole: come il Vangelo possa essere articolato in modo sensibile all'ambivalenza nelle condizioni attuali. I principi guida centrali del cristianesimo - la creazione per il bene, la liberazione dal potere della paura, la riconciliazione con le condizioni di vita indisponibili - culminano in una sola parola: Tuttavia. Si aggrappano al fatto che le cose sono sempre più di quanto si possa vedere di loro in questo momento: il bambino nella mangiatoia, il torturato sulla croce, il mondo che geme, la propria vita in frantumi.

Essere cristiano significa guardare dietro le cose nonostante la prima apparizione e vedere più di quanto si percepisca a prima vista. E le Chiese si trovano di fronte al compito di concretizzare in modo plausibile questo "nondimeno" nell'orizzonte della situazione attuale: senza frasi, ma con lo sforzo del pensiero. Il modo di vivere e le esperienze di vita degli ultimi mesi offrono qui (tuttavia) una serie di punti di contatto che possono servire sia a sviluppare figure teologiche di base sia, viceversa, meritevoli di essere compresi teologicamente. Questo compito è attualmente impegnativo come lo era durante la guerra e subito dopo la guerra.

Ma i cristiani non sono legati solo da idee comuni, ma soprattutto convivendo in nome di quelle idee. Il cristianesimo è anche una pratica in cui le persone si rassicurano a vicenda delle loro convinzioni nella creazione, salvezza e riconciliazione stando insieme. Soprattutto, questo accade nel servizio di culto - ed è proprio questa pratica che è caduta nella più grande crisi. L'eliminazione del canto di congregazione e la Cena del Signore riducono la partecipazione, sempre più il servizio divino - analogico o digitale - diventa una comunicazione unidirezionale. Per alcuni, il servizio di culto comune si sta spostando su Internet, dove sta acquisendo nuove forme anche molto attraenti, inclusa la comune comunione online. Molti altri, tuttavia, sono esclusi da questi passaggi al digitale e si sentono abbandonati; per loro, il trascendente semplicemente non può essere nuovamente tradotto nel virtuale.

Anche le pratiche ai margini del servizio in chiesa sono molto importanti per molte persone: andare in chiesa, saluti, prendere un caffè in chiesa, chiacchierare davanti alla porta della chiesa, addii. Tutto questo è contaminato: prima, durante e dopo il servizio le persone si incontrano solo a distanza.

Distanza come carità

Molte pratiche di aiuto sociale in nome del cristianesimo, organizzate o private, si mettono sulla difensiva. I malati vengono visitati solo in misura limitata e assistiti solo a distanza. L'allontanamento sociale è talvolta visto come una pratica cristiana veramente solidale, fraterna: stare a casa e partire da soli stanno avanzando verso nuove pratiche di carità.

Ciò che è essenziale per le pratiche è in realtà la loro naturalezza, la loro routine, la loro mancanza di domande: sono conosciute e sono comuni. Ed è caratteristico del presente che le pratiche abbiano perso questo fatto evidente. Le forme quotidiane di cristianesimo saranno ridimensionate, dovranno essere ritrovate, dovranno ristabilirsi. Se questo avrà successo e come avrà successo è una questione aperta, principalmente perché non si tratta di sviluppi in crescita organica, ma piuttosto di conversioni sorprendenti, piuttosto massicce ed esternamente forzate.

Il cambiamento nel campo delle pratiche lo sta già dimostrando: sono entrati in crisi anche i luoghi in cui vive e diventa chiaro il cristianesimo. È più significativo quando si guardano gli edifici della chiesa. L'affidabilità con cui erano in precedenza luoghi di sicurezza, vicinanza fisica e sicurezza è stata scossa - prima dalle chiusure, poi dall'istituzione di condizioni rigorose in cui è possibile entrare. Ultimo ma non meno importante, a Natale è chiaro che attualmente sono solo di scarsa utilità come luoghi per identificare il cristianesimo. La chiesa esce ei luoghi della cristianità diventano campi sportivi, parchi, garage sotterranei, ma anche squadre di trattori e piattaforme di camion. Tuttavia, difficilmente può essere venduto come una vera immigrazione della chiesa nel mondo, perché i grandi eventi programmati dovevano essere cancellati, rimane la ritirata ai piccoli, ai margini. Il problema con questo è che il pubblico dei luoghi collegati agli edifici ecclesiastici è abbandonato. Devi scoprire esattamente dove ea quali condizioni puoi trovare i luoghi di culto, come arrivarci ea quali condizioni puoi accedervi, anche a Natale.

Allo stesso tempo, le stazioni di assistenza pastorale, le strutture di consulenza della chiesa e diaconale e i centri di accoglienza per rifugiati bloccati e senzatetto stanno crescendo. E su Internet si stanno affermando nuovi luoghi digitali della comunità ecclesiastica e cristiana. Tuttavia si valuta questo in dettaglio: è ovvio che i luoghi per l'identificazione del cristiano si stanno erodendo.

Aspettative della chiesa

In connessione con la pandemia, il cristianesimo ecclesiastico è entrato in una triplice crisi: una crisi delle sue idee, delle sue pratiche e dei suoi luoghi. Non è affatto escluso che si riprenderà da questa crisi, ma con i mesi della pandemia diventa sempre più poco chiaro come ciò accadrà, soprattutto: come idee trasformate, pratiche modificate e nuovi luoghi possono essere combinati come un insieme.

Il fattore decisivo è se un tale insieme ha un senso per coloro che sono passivamente connessi, coloro che sono distanziati per simpatia. Una delle intuizioni sorprendenti degli ultimi mesi è che ci sono più persone del previsto che si vedono solo a una certa distanza dalla chiesa, ma che certamente hanno aspettative sulla presenza pubblica della chiesa. Non vogliono appartenere direttamente e soprattutto non attivamente, ma vogliono che la Chiesa esista. Non dovrebbero essere insignificanti per un clima sociale di amicizia con la chiesa, di apertura al cristiano. Prima che le chiese guardino senza ulteriori indugi e senza speranza a come queste persone possono essere evangelizzate in misura maggiore, dovrebbe essere studiato a fondo quali aspettative hanno da una chiesa discreta ma attendibilmente presente: delle loro idee, delle loro pratiche e dei loro luoghi.

 

 

 

Stampa Email

Cosa intendiamo realmente quando diciamo che Dio è con noi (anche nei più grandi distatri)??

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Cosa intendiamo realmente quando diciamo che Dio è con noi (anche nei più grandi disastri)?

Da: NZZ -Neue Zürcher Zeitung, 25.12.2020

 

 

 

 

Il Dio cristiano non vive in disparte in paradiso. E nemmeno lui è onnipotente. Piuttosto, Gesù è qui con noi oggi. E ci ricorda che dovremmo assumerci la responsabilità noi stessi. Un'interpretazione alternativa del messaggio cristiano.

Non siamo mai soli con Cristo. "L'Adorazione dei Magi" di Pieter Bruegel il Vecchio, 1564.

A Natale commemoriamo la nascita di Gesù Cristo. Cosa significa per noi questo evento unico e, secondo Hegel, persino mostruoso: Dio stesso, non il suo messaggero o profeta, appare come una persona comune nella nostra realtà ordinaria? Cosa significa oggi quando gran parte dell'umanità è paralizzata da una brutale pandemia e minacciata da molti altri pericoli, dal riscaldamento globale ai disordini sociali?

Viviamo in una specie di inferno, presi da una tensione e uno sconforto costanti. Ed è qui che entra in gioco Cristo, ma come? Secondo la risposta standard, dovremmo ricordare che esiste un potere onnipotente superiore che ci ama e ci protegge, quindi dovremmo rivolgerci a Lui in preghiera e avere fiducia nel nostro destino. Per quanto bui possano essere i tempi, la salvezza è in vista e forse Dio ha permesso alla pandemia di darci un avvertimento - forse la pandemia è per noi il segno di un potere superiore.

Essere ed eternità

Molte persone, comprese le persone non religiose, la pensano così. Ma credo che tutta questa linea di pensiero tradizionale dovrebbe essere abbandonata. Dovremmo sforzarci di comprendere il ruolo unico di Cristo, che non solo sfugge al cristianesimo tradizionale, ma anche al misticismo nel suo più alto sviluppo - con cui, naturalmente, si intende Meister Eckhart.

A Eckhart viene talvolta attribuita l'affermazione (che, tuttavia, non può essere trovata nella sua opera) che preferirebbe essere all'inferno con Gesù che in paradiso senza di lui. Questa non dovrebbe essere letta come un'ipotesi, ma come una vera decisione che dobbiamo prendere - una scelta tra Dio e Cristo, e questa è la scelta tra paradiso e inferno. In "Une Saison en enfer" Rimbaud ha scritto: "Penso di essere all'Inferno, quindi sono". Questa affermazione deve essere intesa nel suo pieno senso: come un sé unico e unico, posso esistere solo all'inferno.

I mistici progrediscono dall'ordine temporale delle creature alla fonte dell'eternità, ma evitano la domanda cruciale: come sorgono le creature da questa fonte? Non: "Come possiamo passare dal nostro essere temporalmente limitato all'eternità?", Ma: "Come può l'eternità stessa discendere in essere temporalmente limitato?"

L'unica risposta è che l'eternità è la prigione definitiva, una prigione soffocante, e solo cadere nella vita di una creatura apre l'esperienza umana (e persino divina). Lo scrittore inglese G. K. Chesterton ha illustrato questo aspetto come nessun altro. Scrive che nel cristianesimo Dio si rallegra della divisione in diverse anime viventi. Chesterton è consapevole che non è sufficiente che Dio separi l'uomo da LUI Stesso in modo che l'umanità lo ami - questa separazione deve operare su Dio Stesso in modo che Dio sia abbandonato da LUI: «Quando la terra trema e Il sole si è spento nel cielo, non è stato a causa della crocifissione, ma a causa del grido che veniva dalla croce e della confessione che Dio è stato abbandonato da Dio ".

Dio e il dubbio

A causa dell'intersezione di questa separazione dell'uomo da Dio con la separazione di Dio da LUI stesso, il cristianesimo è rivoluzionario. Chesterton continua: “Sappiamo già che un brav'uomo può stare con le spalle al muro; Ma che Dio possa stare con le spalle al muro, i ribelli di tutti i tempi possono essere orgogliosi. Il cristianesimo è l'unica religione al mondo che ha capito che manca qualcosa a un Dio onnipotente. Solo il cristianesimo ha capito che per essere completamente Dio, Dio non deve solo essere re ma anche ribellarsi ".

È chiaro a Chesterton che ci stiamo avvicinando a qualcosa di "così insondabile e spaventoso che non è facile discuterne": "Nella drammatica storia della Passione di Cristo c'è una distinta espressione di sentimento che mostra che il Creatore di tutte le cose (sebbene sembra impensabile) non solo ha sofferto l'agonia, ma anche l'agonia del dubbio ". Infatti, nella forma normale dell'ateismo, le persone emancipate non credono più in Dio; nel cristianesimo Dio muore per se stesso - nel suo grido "Padre mio, perché mi hai abbandonato?" Cristo stesso commette quello che è il peccato ultimo per un cristiano: vacilla nella sua fede.

Se prendiamo sul serio questo paradosso, non ci è permesso cercare rifugio nella solita figura trascendente di Dio come un sovrano segreto che conosce il significato di quella che ci sembra una catastrofe senza senso. Quel Dio che trascura l'intero quadro, in cui ciò che percepiamo come un pugno nell'occhio contribuisce all'armonia universale.

Di fronte a un evento come l'Olocausto o la morte di milioni di persone in Congo negli ultimi anni, non è osceno affermare che queste piaghe hanno un significato più profondo in quanto contribuiscono all'armonia del tutto? Esiste un insieme che possa giustificare teleologicamente un evento come l'Olocausto e quindi sradicarlo?

Dio si è fatto uomo

La morte di Cristo sulla croce significa quindi che si deve rinunciare all'idea di un Dio che, come custode trascendente, assicura che le nostre azioni abbiano un lieto fine - l'idea di una storia teleologica. La morte di Cristo sulla croce è la morte di questo Dio, nega ogni significato più profondo che oscuri le catastrofi storiche brutalmente reali.

Questo ci permette anche di dare l'unica risposta cristiana coerente all'eterna domanda critica: Dio era presente ad Auschwitz? Come poteva Lui permettere una sofferenza così tremenda? Perché non è intervenuto per impedirlo?

La risposta non è che dobbiamo imparare a ritirarci dalle nostre vicissitudini terrene e diventare tutt'uno con la pace benedetta di Dio che dimora nelle nostre disgrazie, quando diventiamo consapevoli della massima insignificanza delle nostre preoccupazioni terrene (così la solita risposta pagana) . Né significa che Dio sa cosa sta facendo, motivo per cui in qualche modo ci compenserà per la nostra sofferenza, guarirà le nostre ferite e punirà coloro che sono colpevoli (la solita risposta teleologica).

La risposta può essere trovata altrove, ad esempio nella scena finale del film "Shooting Dogs", che tratta del genocidio in Ruanda. Lì un gruppo di rifugiati tutsi in una scuola cristiana si rese conto che stavano per essere massacrati da una folla hutu. Un giovane insegnante inglese della scuola si dispera e chiede al suo amico paterno (interpretato da John Hurt), un anziano prete, dove sia Cristo per impedire la carneficina. Il sacerdote risponde: “Cristo ora è più presente che mai, soffre qui con noi. Se malediamo disperatamente il nostro destino, se accettiamo coraggiosamente che nessun potere superiore ci aiuterà, allora lui è qui con noi ".

Trascendente e responsabilità

Quindi il vero messaggio del Natale non è: "Siamo sicuri che qualcuno ci veglia lassù, ci ha mandato suo figlio come ambasciatore!", Ma: "Siamo soli e responsabili del nostro destino".

Questa mancanza di supporto trascendentale è un'altra parola per la libertà: Cristo incarna il dono divino della libertà. O, come diceva Rammstein in “Senza di te”: “Non posso stare senza di te, sono solo con te” - solo con Cristo siamo veramente soli.

Oggi agiamo con Cristo solo se ci assumiamo la nostra responsabilità e agiamo in solidarietà globale, sapendo che nessun potere superiore garantisce un lieto fine. Questa solidarietà globale porta il nome dello Spirito Santo nel cristianesimo - come comunità di credenti uniti dall'amore.

Quando a Cristo fu chiesto dai suoi discepoli come potevano sapere che sarebbe tornato dopo la sua morte, egli rispose: "Quando due o tre di voi sono riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro". Cristo ritorna come un legame d'amore tra i suoi discepoli, non come un potere superiore che li unisce.

 

Slavoj Žižek è un filosofo. Più recentemente, ha pubblicato il libro "Sex und das misste Absolute" nella Fischer-Verlag. - L'articolo di cui sopra è stato tradotto dall'inglese da Helmut Reuter.

 

Stampa Email

Prove di disgelo dal recente incontro tra monsignor Giuseppe Marciante, Vescovo di Cefalù, e il Presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ambito molto complesso, quello dell' immigrazione, che deve restare di competenza della politica a tutti i suoi livelli, nazionale, europeo e mondiale, senza interferenze di secondi e terzi, populisti e filantropi da sinistrume nel ruolo di sciacalli alla ricerca di vetrina, come con fermezza, chiarezza di visioni e determinazione da Grecia, Francia, Germania e Paesi „frugali“ a livello europeo è in via di soluzione il dramma umano di Lesbo.

Ho colto l' impressione che Monsignor Marciante abbia voluto fare soltanto vuoto protagonismo narcisista, ma anche stupido movimentismo che potrebbe mettere a buon uso all' interno della sua traballante grande famiglia con Francesco, quello "vero", che ancora continua a puntellare

 

„la basilica lateranense (metafora della Chiesa cristiana del tempo, ndr) già prossima alla rovina; la quale era sostenuta da un poverello mettendole sotto il proprio dosso perché non cadesse“ (così nella Legenda Maior, III, 10, di san Bonavetura di Bagnoregio) con il papa Innocenzo III

disteso sul letto a sognare il Santo che sostiene la Basilica di San Giovanni in Laterano pericolasemente inclinata. San Francesco con la sua predicazione salverà così la Chiesa dalle accuse di corruzione e decadenza.

Si tratta della sesta (Sogno di Innocenzo III) delle ventotto scene del ciclo di affreschi della storia di san Francesco`, dipinta nel 1299, che si ammirano nella Basilica superiore di Assisi,

attribuiti a Giotto di Bondone (forse ipocoristico* di Ambrogio (Ambrogiotto), o Angiolo, Parigiotto, Ruggero (Ruggerotto) o ancora Biagio, senza escludere l' ipotesi che Giotto possa essere un nome proprio, conosciuto semplicemente come Giotto (Colle di Vespignano, Vicchio 1267(?), Firenze 8 Gennaio 1337).

 

*ipocoristico: in linguistica la modificazione fonetica o raccorciamento di un nome di persona che può originare un diminuitivo o un vezzeggiativo. P.e.: Luigi . . . Lui | gino, il nostro bravo ministro degli Esteri, nato, politicamente, per destinazione divina come leader, poi da esperto di pianificazione pseudo-economica e ora esperto di relazioni internazionali in quell' Italia contemporanea, democrOtica e repubblicOna, che canta Bella Ciao, dove gli asini, ragliamdo . . . . ragliando, diventano presidenti di Regione, oggi „Governatori“ (Zingaretti), vice-ministri (Gianfrà Cancelleri,) e ministri (Paola De Micheli, dottoressa in Scienze politiche, in passato impegnata in una societá cooperativa di lavorazione e trasformazione del pomodoro), entrambi responsabili in società con sottosegretari, di un sedicente Ministero delle Infrastrutte e dei Trasporti (sic) - successore di quel fantomatico Ministero dei Lavori Pubblici che fece grande e potente l' Italia, e rcchi tanti sciacalli del dopoguerra. I due sono i prossimi gestori di un fantomatico Recovery fund del quale s' incomincia a conoscre una saggia ed oculata impostazione a base di: assunzioni di precari nella pubblica disamminastrione, misure per lo smart working, voto elettronico per gli italiani all' estero, fino ad una costellazione di piccoli satelliti per il monitoraggio delle discariche di rifiuti solidi, liquidi e umani, ma anche di monitoraggio degli spazi atmosferici e siderali. Chi vivrà vedrà. E vedrà anche come si comporteranno i Paesi „frugali“ che, di certo, non accetteranno il ruolo di„fregati“.

. . .

La tematica è si' complessa da imporre alcune considerazioni in relazione ai concetti di Diritto naturale e Diritto comune ricorrendo ad un apparente gioco di parole - che poi giuoco non è, bensì cosa molto seria che soltanto bravi giuristi potrebbero spiegarci – nel senso che non ci può essere Diritto in assenza di Diritto naturale e Diritto naturale in assenza in Diritto comune, laddove nella storia del Filosofia del Diritto per Diritto naturale o della Ragione (lat.: ius naturale) o legge naturale, viene inteso il richiamo costante all' Idea che si rifà all' esistenza di un primordiale ordine dell' essere sociale derivante dalla Natura dell' uomo o semplicemente dai suoi rapporti di vita allo stato naturale, in contrapposizione al Diritto positivo che in un determinato tempo regola come Diritto (ius), strictu sensu, con le sue leggi vincolanti e unanimamente riconosciute secondo l' Idea di Giustizia la vita di una comunità o di una comunità di diritto (ordine sociale statalmente organizzato).

La legge naturale, affinchè possa diventare reale, deve essere sempre rafforzata positivamente dalla legge, mentre, al contrario, il diritto positivo ha bisogno degli standard del diritto naturale al fine di poter assumere un ruolo regolatore delle relazioni e dei comportamenti umani. Molti studiosi del diritto in passato si sono posti la domanda <Perché non esiste legge senza diritto naturale>, chiarendo il pensiero del diritto naturale ponendolo al confronto con il rapporto tra diritto naturale e diritto positivo dilatato al rapporto tra abilità linguistica e linguaggio concreto. In altri termini, così come il neonato non potrebbe mai aggiornare e parlare i suoi naturali strumenti di linguaggio senza il linguaggio della madre, così poco la legge naturale diventerebbe reale senza una legge positiva concreta. Ora il diritto del bambino sano di sviluppare la sua capacità di parlare attraverso un aiuto esterno è già garantito dalla dignità umana ancorata nella Legge Fondamentale, ma che dire dell'immutabilità della natura con cui nasce? Se ci fosse la possibilità di migliorare significativamente l'embrione, la dignità umana sarebbe un ostacolo per capire che, se si vuole rendere la politica eugenetica socialmente accettabile – E dio dovrebbe sapere quanto in “questa” italia sia urgente - occorre porre in gioco la sua richiesta di "idoneità genetica".

In tal senso ricordiamo a monsignore Marciante che, se nel nome del concetto sublime della dignità umana si dovesse fondare l' auotodeterminazione normativa dell' uomo e corrispndentemente interpretare male i diritti umani non si otterrebbe altro che la pretesa ai liberi movimenti dei migranti in ogni Paese di loro gradimento ignorando i confini di Stato. Con l' abrogazione dei confini nazionali si persegue soltanto anarchia. Dal punto di vista di un "socialfascista" come chi scrive, la dignità umana è da intendersi come un concetto fondamentale di etica e di diritto da non confondere con una dispensa già esistente di ricette primitive di delizia mondiale.

Cosa insegna, allora, l'individualismo normativo e cosa s' intende per tale?

Essenzialmente si tratta del pensiero fondamentale della filisofia liberale, secondo cui il riferimento finale ultimo di una giustificazione di decisioni etiche, morali, giuridicche e politiche è l' individuo, non il colletivo, sia esso la famiglia, una comunità religiosa o lo Stato inteso come polis. Insomma al centro di ogni teoria individualista normativa c' è l' uomo con le sue esigenze e interessi.Le decisioni di una comunità e anche le sue norme e regole, sono consguentemente giustificabili soltanto se tengono conto delle esigenze che li riguardano. In ispecie in Germania è stato Dietmar von der Pfordten ad analizzare il conceto dell' individualismo normativo approfondendo i principi di un' etica normativa-individualistica.

L' individualismo normativo è nettamente in contrasto con le teorie che ammettono la giustificazione di decisioni collettive riguardanti una comunità. Un' etica o una filosofia politica ha tratti collettivistici se antepone all' individuo una comunità. In tal caso l' individuo è visto più come parte di un collettivo e le sue esigenze vengono considerate nella misura in cui sono conciliabili con i fini o gli interessi del collettivo. E se il collettivo è lo Stato, vale allora il principio etico di Giovanni Gentile secondo il quale <lo stato è tutto, l' individuo nulla>.

In un articolo scritto per Repubblica e pubblicato il 06/08/2009 la studiosa di Scienze sociali Nadia Urbinate ebbe tralaltro a notare che „la reazione che si sta (per fortuna) alzando giorno dopo giorno contro le abitudini private e pubbliche del nostro premier (Berlusconi, ndr) mostra, ha scritto Michela Marzano su Repubblica, un' Italia <individualista, materialista e machista che ha vergogna quando si guarda allo specchio“, così come ha vergogna, oggi, quando tutti i quotidiani-spazzatura e, purtroppo, qualch' altro estero hanno fatto di un Berlusconi colpito da Coronavirus un caso cosmico che nel peggiore dei casi avrebbe oscurato il Golgata mondiale da XXI Secolo.

L'alternativa sbagliata: tra natura matematico-fisica e interessi umani da una natura che appartiene all'individuo e alla società, l'individualismo normativo prende le distanze dalla posizione di un sé scettico che reagisce ai suoi bisogni. Questo individualismo non vuole parlare della natura umana, forse perché non può essere provato da teorie scientifiche. Anche la metafisica è "troppo ampia". Tuttavia, l'ancoraggio della legittimazione al terreno di giudizio del sentimento umano e il bisogno umano di autodeterminazione non è più all'altezza delle obiezioni di una comprensione riduzionista della natura. Assumendo leggi causali oggettive con metodi matematico-fisici, allora una coscienza, un ego agente o sofferente, un individuo affetto non può essere osservato. D'altra parte, se si afferma che torturare una persona semplicemente per il fatto di essere cattiva e malvagioa, allora si segue il primo principio della legge naturale. La reazione all' esempio della tortura mostra che l' uomo moderno è in grado di distinguere tra il bene e il male e che per il cristiano il riferimento diretto a Dio o ad un essere divino è decisivo per una giustificazione religiosa o trascendente, ma in in considerazione della plurizzazione delle visioni del mondo in un' etica secolare e immanente, non può costituire una base di sostegno. Persino una legge naturale dipende in ultima analisi da vaste ipotesi metafisiche. Questa visione della legge naturale è, pertanto, un errore.

Se il cristiano si schiera a favore della protezione della vita degli embrioni, il suo pensiero è esso stesso basato su presupposti metafisici. È proprio attraverso un consenso implicito a un diritto naturale che differisce dall'individualismo estremo. L'individualismo estremo, qualcosa come quello di un boss mafioso, potrebbe sempre giustificare i suoi crimini con la sua alterità. Il termine scettico strumentalizzato "pluralizzazione delle visioni del mondo", che è stato infestato da alcuni filosofi moderni, non era né un ostacolo negli stati ben ordinati in passato, né lo è oggi, dal momento che i cittadini discutono criticamente cosa è giusto e cosa è meglio per poter vivere insieme e nello specifico del fenomeno (im)migratorio e nel contesto di una una democrazia compiuta, come si deve comportare il sistema che li rappresenta: la (buona) politica.

La Chiesa contro Musumeci: „Penoso“, scrisse un ruffiano cronista di quel Blog Sicilia che di cronaca spicciola quotidiana, politica „tuttifrutti“, ruffianesimo e ricette alimentari fa una vergognosa insalata mista tutta siciliana che fa pensare ad una, si „penosa“, somministrazione di alimenti, comunque sufficienti per sbarcare il lunario.

 

 

 

 

 

 

Stampa Email

Per una Europa delle diversità nell' unità

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ed eccoci di nuovo a: „lo stato è tutto, l' individuo nulla“

(G. Gentile)

Aristotele e la Polis greca

 

La realtà politica e i rischi da catastrofe globali, come quella nella quale siamo immersi, hanno riproposto la mai sopita questione del ruolo dello Stato nazionale, prima che di altre istituzioni sovrannazionali, nella Politica e nella democrazia. È un dato di fatto incontrovertibile che da ora in poi deve essere tenuto ben presente e consolidato dove manca o presenta lacune che inevitabilmente deve ricollegare alle sovente dimenticate radici dell' Europa e del mondo occidentale della consolidata cultura, latu sensu e politico-costituzionale, greco-romana sulla si staglia in tutta la sua inscalfibile statura la figura del grande filosofo di Stagira, A r i s t o t e l e.

 

 

Certo, non siamo più nella polis greca (si è avuta una Polis ben più raffinata, ma dimenticata e distrutta: quella della Magna Grecia, Megane Hellas, dove oggi ancora sovrano regna l' antistato), connotata, come nella natura delle cose dall' antagonismo fra classi espressione di aspirazioni e interessi diversi e contrastanti, bensì nella contorta polis moderna europea lacerata dalle sue contraddizioni per la quale è proprio il richiamo al grande esperimento aristotelico è quanto mai urgente e indiliazionabile rinfrescarne almeno il ricordo, lasciando agli operatori di Politia e democrazia, ed alla sensibilità di un cittadino „altro“, il difficile (ma non immane se la ratio vince sull' anarchia) compito di rivifificarne spirito ed essenza, tenendo ben presente che il punto di partenza di Aristotele fu la ricerca di una sezione aurea che identicò nella „medietà“, intesa come ricerca dei mezzi indispensabili a neutralizzare quegli estremi che in una società politica conducono alla sovversione, se in essa non la medietas (la classe dei medi proprietari per Aristotele) che, oggi, intendiamo come classe media, poichè „se un regime intende conservarsi, è necessario che tutte le parti dello stato vogliono che esista e si mantenga nelle stesse condizioni“ (Pol. II, 9 1270 b 21-22).

Stampa Email

Raffaello: La Madonna del Granduca

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Raffaello, „Il grande Genio dell' Arte, spiegato in un solo quadro“:

La Madonna del Granduca

 

 

È l' articolo offerto oggi, 03. Marzo 2020, nel pieno della crisi sanitaria causata del „coronavirus“, dall' autorevole quotidiano della Germania <Die Welt>, Sezione „Cultura“, con l' invito ad osservare attentamente la mano del Bambino.

 

Alcun altro artista nelle sue opere ha elevato come Raffaello (1483-1520) agli alti livelli della classicità la visione degli ideali del Rinascimento in tema di dignità umana, monumentalità della forma ed equilibrio della composizione. Il Papa mediceo Leone X nominò nel 1515 Raffaello quale direttore die lavori della Chiesa di San Pietro e conservatore degli Antichi Monumenti di Roma, i cui scavi archeologici, rilievo e conservazione furono avviati proprio in quel periodo.

 

Come molti artisti del Rinascimento, anche Raffaello ha posseduto gli strumenti di dominio dell' Architettura nella stessa misura di quelli della Pittura. Nella Villa Madama Raffaello riuscì a coniugare la somma delle sue esperienze con l' incarico conferitogli dal Papa, al punto che la fama della sua arte pittorica ha spesso relegato in secondo piano i suoi eccezionali contributi in ambito dell' Architettura che occorre riportare ai livelli di conoscenza che merita(no) in un contesto di grandi innovazioni tecniche e tecnologiche e, soprattuto, della forma.

 

La Madonna del Granduca è considerata come una delle più note opere di Raffaello al punto di essere stata preferita dal Granduca Ferdinando III di Lorena. Si tratta di un dipinto a olio su tavola (84,5x55,9 cm) riconducibile a circa il 1504 e oggi conservato nella Galleria Palatina a Firenze. Incerta è la provenienza originaria che si presume possa essere stata per una destinazione privata allorché il giovane Raffaello giunse a Firenze. Per il volto più espressivo ed enigmatico della Madonna, il dipinto è ritenuto come uno dei suoi più famosi capolavori.

 

La Madonna, raffigurata in piedi, porta la tradizionale veste rossa e il manto azzurro. Si trae l' impressione che avanzi verso lo spettatore spuntando dall' oscurità. La sua figura esprime decisione mista ad una parca monumentalità in un sapientemente bilanciatato rapporto figurale con la Madonna ad accennare una rotazione a destra controbilanciata dalla appena percepita rotazione a sinistra del Bambino con la mano sinistra poggiata con leggiadria sull' asse ideale del viso-busto della madre, quasi a richiamare l' attenzione dello spettatore. Si tratta di un' operazione di grande maestria spaziale e dinamica della già affermata pittura rinascimentale a far dimentare la staticità bizantineggiante della composizione figurale Madonna-Bambino medieveale nel rapporto amoroso madre-figlio.

 

Il gioco dei pieni d' ombra e di luce non v' è dubbio che richiami il noto „sfumato“ leonardesco che certamente l' urbinate incominciò ad apprezzare nei primi anni del soggiorno fiorentino con riferimenti appena accennati alle Madonne dei fratelli della Robbia ed agli effetti del rilievo e della plasticità di scultori fiorentini come Ghiberti e Donatello..

 

Nella Madonna del Granduca, Raffaello esalta il drappeggio del manto della Madonna ricorrendo al richiamo del senso della vita ed è proprio l' accenno al movimento torsoniale del bambino ad evidenziare quella libertà pittorica fino ad allora sconosciuta. In sostanza movimento ed emozione si coniugano per trovare profondità nella calma espressività dei due soggetti esaltati dall' oscurità del sottofondo, aggiunta successivamente alla composizione conforendo così alla Madonna valori di presenza e di spiritualità esaltate, a ben ragione, al ruolo di fama.

 

Vi sarebbe molto da scrivere riguardo a descrizione, interpretazione e simbologia, riferimenti storici, stile e tecnica con il disegno che precede la pittura, colore ed effetti luminosi, composizione e inquadratura del capolavoro raffaellesco che si concretizza in un' immagine finale nella quale a predominare sono l' incarnato della Madonna e del Bambino, la sinuosa leggiadria del drappeggio del mantello di Maria, le linee scandendi in altezza le forme del corpo del Bambino, il tutto esaltato dall' equilibrio cromatico chiaroscurale che si conclude in uno sfumato che è andato oltre Leonardo.

 

Già dai suoi contemporenaei Raffaello era stato visto come „Il Dio della Pittura“, il maestro della bellezza classica, il genio della composizione di forma e colore, luce ed ombra in tutti i media da lui affrontati.A Roma egli si misura con Michelangelo che lo accusa di spionaggio. L' incontro ha luogo nel Vaticano con Michelangelo alle prese con la Cappella Sistina e Raffaello con le Stanze del Papa.

 

Una storia, quella dei due pittori, contrassegnata da una rivalità che ha condotto a capolavori d' Arte con Michelangelo ad accettare contro la sua volontà l' incarico del Papa per la volta della Cappella Sistina, che alla fine rivoluzionò l' Arte e l' immagine dell' uomo, e Raffaello con la Scuola di Atene ed altri affreschi ad inventare una rivulozionaria visione dell' armonia universale.

 

Una storia, quella dei due pittori, contrassegnata da una rivalità che ha condotto a capolavori d' Arte con Michelangelo ad accettare contro la sua volontà l' incarico del Papa per la volta della Cappella Sistina, che alla fine rivoluzionò l' Arte e l' immagine dell' uomo, e Raffaello con la Scuola di Atene ed altri affreschi ad inventare una rivulozionaria visione dell' armonia universale.

 

Armonia celeste, pertanto, e Italia . . . . Italia . . . . . sempre Italia: nel bene e nel male.

. . .

D e u t s c h:

 
Raphael, "Das große Genie der Kunst, erklärt in einem einzigen Gemälde":
Unsere Liebe Frau vom Großherzog

Es ist der Artikel, der heute, 03. März 2020, inmitten der durch das "Coronavirus" verursachten Gesundheitskrise von der maßgeblichen deutschen Zeitung <Die Welt>, Abschnitt "Kultur", mit der Aufforderung zur sorgfältigen Beobachtung der Hand des Kindes angeboten wird .

Kein anderer Künstler in seinen Werken hat Raphael (1483-1520) auf die hohe Ebene des Klassizismus gebracht, um die Vision der Ideale der Renaissance in Bezug auf Menschenwürde, Monumentalität der Form und Gleichgewicht der Komposition zu verwirklichen. Der Medici-Papst Leo X. ernannte Raffaello 1515 zum Direktor der Werke der Kirche San Pietro und zum Konservator der antiken Denkmäler Roms, deren archäologische Ausgrabungen, Reliefs und Konservierungen zu dieser Zeit begonnen wurden.

Wie viele Künstler der Renaissance besaß auch Raphael die Werkzeuge der Herrschaft über die Architektur in demselben Maße wie die der Malerei. In der Villa Madama gelang es Raffaello, die Summe seiner Erfahrungen mit dem ihm vom Papst übertragenen Auftrag zu kombinieren, bis zu dem Punkt, dass der Ruhm seiner Bildkunst seine außergewöhnlichen Beiträge auf dem Gebiet der Architektur, die auf das Niveau von zurückgebracht werden müssen, oft in den Hintergrund gedrängt hat Wissen, das es verdient (nein) im Kontext großer technischer und technologischer Innovationen und vor allem der Form.

Die Madonna del Granduca gilt als eines der bekanntesten Werke Raffaels, bis sie von Großherzog Ferdinand III. Von Lothringen bevorzugt wurde. Es ist ein Ölgemälde auf Holz (84,5 x 55,9 cm) aus dem Jahr 1504, das heute in der Pfalzgalerie in Florenz aufbewahrt wird. Die ursprüngliche Herkunft, die vermutlich für ein privates Ziel bestimmt war, als der junge Raphael in Florenz ankam, ist ungewiss. Für das ausdrucksstärkste und rätselhafteste Gesicht der Madonna gilt das Gemälde als eines seiner berühmtesten Meisterwerke.

Die stehende Madonna trägt das traditionelle rote Gewand und den blauen Umhang. Es entsteht der Eindruck, dass Sie sich dem Betrachter nähern und aus der Dunkelheit auftauchen. Ihre Figur drückt eine gemischte Entscheidung mit einer teilweisen Monumentalität in einer gekonnt ausgewogenen figürlichen Beziehung zur Madonna aus, um auf eine Rechtsrotation hinzuweisen, die durch die gerade wahrgenommene Linksrotation des Kindes ausgeglichen wird. Die linke Hand ruht anmutig auf der idealen Achse der Gesichtsbüste der Mutter, fast um die Aufmerksamkeit des Zuschauers zu erregen. Es ist eine Operation von großer räumlicher und dynamischer Beherrschung der bereits etablierten Renaissance-Malerei, die uns die byzantinische statische Natur der mittelalterlichen figürlichen Madonna-Kind-Komposition in der Liebesbeziehung zwischen Mutter und Sohn vergessen lässt.

Das Spiel von Schatten und Licht erinnert zweifellos an den bekannten "nuancierten" Leonardo, den Urbino in den ersten Jahren seines florentinischen Aufenthalts mit Bezug auf die Madonnen der Robbia-Brüder und die Auswirkungen zu schätzen begann das Relief und die Plastizität florentinischer Bildhauer wie Ghiberti und Donatello.

In der Madonna des Großherzogs erhöht Raphael das Drapieren des Madonna-Mantels, indem er an den Sinn des Lebens erinnert, und genau der Hinweis auf die Torsionsbewegung des Kindes unterstreicht die bisher unbekannte Bildfreiheit. Im Wesentlichen werden Bewegung und Emotion kombiniert, um Tiefe in der ruhigen Ausdruckskraft der beiden Themen zu finden, die durch die Dunkelheit des Hintergrunds erhöht und anschließend der Komposition hinzugefügt werden, wodurch die Madonna-Werte Präsenz und Spiritualität verwirrt werden, die mit gutem Grund die Rolle des Ruhms erhöhen.

Es gibt viel zu schreiben über Beschreibung, Interpretation und Symbologie, historische Referenzen, Stil und Technik mit der Zeichnung, die der Malerei, den Farb- und Lichteffekten, der Komposition und dem Rahmen von Raphaels Meisterwerk vorausgeht, das sich in einem endgültigen Bild materialisiert, in dem es vorherrschen soll Ich bin der Teint der Madonna und des Kindes, die geschwungene Anmut des Gewandes von Marias Umhang, die Linien, die sich in der Höhe über die Formen des Körpers des Kindes erstrecken, alles verstärkt durch das chromatische Hell-Dunkel-Gleichgewicht, das in einer Nuance endet, die darüber hinausgeht Leonardo.

Bereits von seinen Zeitgenossen und Raphael wurde er als "Der Gott der Malerei" angesehen, der Meister der klassischen Schönheit, das Genie der Komposition von Form und Farbe, Licht und Schatten in allen Medien, die er ansprach. In Rom maß er sich mit Michelangelo, der beschuldigt ihn der Spionage. Das Treffen findet im Vatikan statt, wobei Michelangelo sich mit der Sixtinischen Kapelle und Raphael mit den Räumen des Papstes befasst.
 
Eine Geschichte, die der beiden Maler, geprägt von einer Rivalität, die zu Meisterwerken der Kunst mit Michelangelo führte, um gegen seinen Willen den Auftrag des Papstes für das Gewölbe der Sixtinischen Kapelle anzunehmen, der schließlich Kunst und Image revolutionierte des Menschen und Raphael mit der "Schule von Athen" und anderen Fresken, um eine abstoßende Vision der universellen Harmonie zu erfinden.

Himmlische Harmonie also und Italien. . . . Italien. . . . . immer Italien: zum Guten oder zum Schlechten.
. . .
Englisch:
 
 

Raphael, "The great genius of art, explained in a single painting":
Our Lady of the Grand Duke

It is the article offered today, 03. March 2020, in the midst of the health crisis caused by the "coronavirus", by the authoritative newspaper of Germany <Die Welt>, Section "Culture", with the invitation to carefully observe the hand of the Child .

No other artist in his works has raised Raphael (1483-1520) to the high levels of classicism the vision of the ideals of the Renaissance in terms of human dignity, monumentality of form and balance of composition. The Medici Pope Leo X appointed Raffaello in 1515 as director of the works of the Church of San Pietro and conservator of the Ancient Monuments of Rome, whose archaeological excavations, relief and conservation were started right at that time.

Like many Renaissance artists, Raphael also possessed the tools of domination of Architecture to the same extent as those of Painting. In Villa Madama Raffaello managed to combine the sum of his experiences with the assignment given to him by the Pope, to the point that the fame of his pictorial art has often relegated to the background his exceptional contributions in the field of Architecture that must be brought back to the levels of knowledge it deserves (no) in a context of great technical and technological innovations and, above all, of form.

The Madonna del Granduca is considered to be one of the best known works of Raphael to the point of having been preferred by the Grand Duke Ferdinand III of Lorraine. It is an oil painting on wood (84.5x55.9 cm) dating back to around 1504 and now preserved in the Palatine Gallery in Florence. The original provenance which is presumed to have been for a private destination when the young Raphael arrived in Florence is uncertain. For the most expressive and enigmatic face of the Madonna, the painting is considered to be one of his most famous masterpieces.

The Madonna, depicted standing, wears the traditional red robe and the blue cloak. The impression is drawn that you are advancing towards the viewer, emerging from the darkness. Her figure expresses a mixed decision with a partial monumentality in a skilfully balanced figural relationship with the Madonna to hint at a right rotation counterbalanced by the just perceived left rotation of the Child. With the left hand resting gracefully on the ideal axis of the face-bust of the mother, almost to attract the attention of the spectator. It is an operation of great spatial and dynamic mastery of the already established Renaissance painting to make us forget the Byzantine-style static nature of the medieval Madonna-Child figural composition in the love relationship between mother and son.

The play of shadows and light there is no doubt that it recalls the well-known "nuanced" Leonardo that certainly from Urbino began to appreciate in the early years of his Florentine stay with references to the Madonnas of the Robbia brothers and the effects the relief and plasticity of Florentine sculptors such as Ghiberti and Donatello ..

In the Madonna of the Grand Duke, Raphael exalts the draping of the Madonna 's mantle by recalling the meaning of life and it is precisely the reference to the child' s torsional movement that highlights that pictorial freedom hitherto unknown. In essence, movement and emotion are combined to find depth in the calm expressiveness of the two subjects exalted by the darkness of the background, subsequently added to the composition thus confusing to the Madonna values ​​of presence and spirituality exalted, with good reason, to the role of fame.

There would be much to write about description, interpretation and symbology, historical references, style and technique with the drawing that precedes painting, color and lighting effects, composition and framing of Raphael's masterpiece which materializes in a final image in which to predominate I am the complexion of the Madonna and Child, the sinuous gracefulness of the drapery of Mary 's cloak, the lines stretched in height the shapes of the body of the Child, all enhanced by the chiaroscuro chromatic balance that ends in a nuance that has gone beyond Leonardo.

Already by his contemporaries and Raphael he had been seen as "The God of Painting", the master of classical beauty, the genius of the composition of form and color, light and shadow in all the media he addressed. In Rome he measured himself with Michelangelo who accuses him of espionage. The meeting takes place in the Vatican with Michelangelo dealing with the Sistine Chapel and Raphael with the Pope 's rooms.

A story, that of the two painters, marked by a rivalry that led to masterpieces of art with Michelangelo to accept against his will the Pope 's assignment for the vault of the Sistine Chapel, which eventually revolutionized art and image of man, and Raphael with the "School of Athens" and other frescoes to invent a revolting vision of universal harmony.

Heavenly harmony, therefore, and Italy. . . . Italy. . . . . always Italy: for better or for worse.

. . . 

Französisch:

Raphaël, "Le grand génie de l'art, expliqué dans un seul tableau":
Notre-Dame du Grand-Duc

C'est l'article proposé aujourd'hui, 03 mars 2020, au milieu de la crise sanitaire provoquée par le "coronavirus", par le journal officiel allemand <Die Welt>, rubrique "Culture", avec l'invitation à observer attentivement la main de l'Enfant .

Aucun autre artiste dans ses œuvres n'a élevé Raphaël (1483-1520) à un haut niveau de classicisme la vision des idéaux de la Renaissance en termes de dignité humaine, de monumentalité de forme et d'équilibre de composition. Le pape Médicis Léon X a nommé Raffaello en 1515 directeur des travaux de l'église de San Pietro et conservateur des monuments anciens de Rome, dont les fouilles archéologiques, le secours et la conservation ont commencé à ce moment-là.

Comme de nombreux artistes de la Renaissance, Raphaël possède également les outils de domination de l'architecture au même titre que ceux de la peinture. Dans Villa Madama Raffaello a réussi à combiner la somme de ses expériences avec la mission qui lui a été confiée par le Pape, au point que la renommée de son art pictural a souvent relégué au second plan ses contributions exceptionnelles dans le domaine de l'architecture qui doivent être ramenées aux niveaux de connaissances qu'elle mérite (non) dans un contexte de grandes innovations techniques et technologiques et, surtout, de forme.

La Madonna del Granduca est considérée comme l'une des œuvres les plus connues de Raphaël au point d'avoir été préférée par le Grand-Duc Ferdinand III de Lorraine. Il s'agit d'une peinture à l'huile sur bois (84,5x55,9 cm) datant d'environ 1504 et aujourd'hui conservée à la galerie Palatine de Florence. La provenance originale qui est présumée avoir été pour une destination privée lorsque le jeune Raphaël est arrivé à Florence est incertaine. Pour le visage le plus expressif et énigmatique de la Madone, la peinture est considérée comme l'un de ses chefs-d'œuvre les plus célèbres.

La Vierge, représentée debout, porte la robe rouge traditionnelle et le manteau bleu. L'impression est tirée que vous avancez vers le spectateur, sortant de l'obscurité. Sa figure exprime une décision mitigée avec une monumentalité partielle dans une relation figurative habilement équilibrée avec la Madone pour faire allusion à une rotation à droite contrebalancée par la rotation à gauche perçue de l'enfant. Avec sa main gauche reposant gracieusement sur l'axe idéal du visage-buste de la mère, presque pour attirer l'attention du spectateur. C'est une opération d'une grande maîtrise spatiale et dynamique de la peinture de la Renaissance déjà établie pour nous faire oublier la nature statique byzantine de la composition figurative de la Madone-Enfant médiévale dans la relation amoureuse entre la mère et le fils.

Le jeu des ombres et de la lumière ne doute pas qu'il rappelle la "nuance" bien connue de Léonard de Vinci que l'Urbino a certainement commencé à apprécier dans les premières années de son séjour florentin avec des références aux Madones des frères Robbia et aux effets le relief et la plasticité de sculpteurs florentins comme Ghiberti et Donatello.

Dans la Madone du Grand-Duc, Raphaël exalte le drapage du manteau de la Madone en rappelant le sens de la vie et c'est précisément la référence au mouvement de torsion de l'enfant qui met en évidence cette liberté picturale jusqu'alors inconnue. Essentiellement, le mouvement et l'émotion sont combinés pour trouver de la profondeur dans l'expressivité calme des deux sujets exaltés par l'obscurité de l'arrière-plan, ajoutés ensuite à la composition confondant ainsi avec les valeurs de présence et de spiritualité de Madonna exaltées, avec raison, au rôle de gloire.

Il y aurait beaucoup à écrire sur la description, l'interprétation et la symbologie, les références historiques, le style et la technique avec le dessin qui précède la peinture, les effets de couleur et d'éclairage, la composition et l'encadrement du chef-d'œuvre de Raphaël qui se matérialise dans une image finale dans laquelle prédominer. Je suis le teint de la Vierge à l'Enfant, la grâce sinueuse de la draperie du manteau de Marie, les lignes tendues en hauteur les formes du corps de l'Enfant, le tout rehaussé par l'équilibre chromatique en clair-obscur qui se termine par une nuance qui a dépassé Leonardo.

Déjà par ses contemporains et Raphaël, il avait été considéré comme "Le Dieu de la peinture", le maître de la beauté classique, le génie de la composition de la forme et de la couleur, la lumière et l'ombre dans tous les médias qu'il a abordés. À Rome, il s'est mesuré avec Michel-Ange qui l'accuse d'espionnage. La rencontre a lieu au Vatican avec Michel-Ange traitant de la Chapelle Sixtine et Raphaël avec les salles du Pape.

Une histoire, celle des deux peintres, marquée par une rivalité qui a conduit à des chefs-d'œuvre de l'art avec Michel-Ange d'accepter contre son gré la mission du Pape pour la voûte de la Chapelle Sixtine, qui a finalement révolutionné l'art et l'image de l'homme, et Raphaël avec "L' école d'Athènes" et d'autres fresques pour inventer une vision révoltante de l'harmonie universelle.

Harmonie céleste donc et Italie. . . . Italie. . . . . toujours l'Italie: pour le meilleur ou pour le pire.

 

 

 

 

Stampa Email

BIG - Bjarke Ingels Group (Traduzione in italano)

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Dal prestigioso quotidiano Svizzero NZZ (www.nzz.ch) . . . . .
per porre in riflessione certi maghi italiani.
Traduzione dal tedesco.

. . .

Il clima ispira la stella dell'architettura Bjarke Ingels: "Proprio perché le persone determinano e accelerano i cambiamenti climatici, saranno la soluzione".

Informazioni sull'architetto danese Bjarke Ingels I film di Netflix sono girati. Preferisce comunicare con i suoi fan tramite Instagram. A suo avviso, la protezione del clima non dovrebbe avere nulla a che fare con il divieto, ma con l'aumento della gioia di vivere. Antje Stahl lo ha incontrato in Norvegia per un discorso.

Antje Stahl, 30.10.2019

 

Bjarke Ingels, fondatore dello studio di architettura danese e internazionale BIG.

 

 

Ora potremmo parlare un po 'della regina Sonja di Norvegia: qualche settimana fa, accompagnata dalla banda di ottoni della banda militare, non ha appena inaugurato un museo privato a nord di Oslo. No, ha anche realizzato stampe colorate di paesaggi per i quasi 500 ospiti di questo evento. A seguito di discorsi, cene e feste, queste immagini sono state firmate da alberi ossuti e distribuite insieme con una salsiccia di alce in un sacchetto di iuta.

Sonja era d'accordo con questo bizzarro mix di goodie bag? Oppure voleva competere con gli altri artisti qui esposti, tra cui Anish Kapoor, Yayoi Kusama e Olafur Eliasson? Dovremo chiarirlo altrove. I reali (anche il principe ereditario Frederik di Danimarca) ci dissuaderebbero troppo dal nostro vero protagonista: dopo tutto, l'architetto Bjarke Ingels è qui nella foresta norvegese vicino a Jevnaker per un'intervista.

Per settimane, o sciocchezze, mesi, abbiamo scritto al suo studio di architettura BIG con la richiesta di fissare finalmente un appuntamento con l'architetto danese che parla in modo così diverso di cambiamenti climatici, sostenibilità e crisi, come quello degli attivisti e I politici e persino gli architetti sono abituati. I film di Netflix sono quindi girati da Bjarke Ingels, nato nel 1974, tiene conferenze TED e comunica con i suoi innumerevoli fan tramite Twitter e Instagram (con quasi 700000 follower). Questo lo rende uno dei pochi architetti che raggiungono le masse. Gli investitori lo adorano anche per le sue capacità di narrazione, raccogliendo ordini in tutto il mondo. Si dice anche che salvi Manhattan dall'innalzamento del livello del mare e costruisca una nuova striscia di terra intorno alla parte meridionale dell'isola entro il 2050. Naturalmente, i colleghi sono infastiditi dal successo su larga scala dell'ufficio. C'è una lettera aperta dell'Università di Harvard , in cui anche la prole ammette quanto sia geloso del successo di Ingels - e quanto frustrato che forse non salverà il mondo con i suoi progetti giganteschi. Quindi c'è molto di cui parlare. Per mezz'ora la macchina di PR ci ha concesso questa pop star in occasione dell'apertura del museo in Norvegia. Pertanto, non perdiamo tempo e. , ,
, , , Dai un'occhiata a lui con una foto di suo figlio di quasi un anno sul suo cellulare, che condivide anche sul suo account Instagram. , ,

Come si chiama tuo figlio?

Darwin. Ha anche il suo account Instagram, mentre pubblico tante foto di lui. Sono proprio come tutti gli altri genitori: penso che sia la creatura più interessante, affascinante, bella e brillante.
Come nota editoriale, "ridere" dovrebbe apparire per la prima volta a questo punto, ma mentre Bjarke Ingels ride incessantemente, ci rinunciamo e assumiamo da ora in poi che il lettore legge questa "risata".
E Darwin come in Charles. , ,
, , , sì, come Charles Darwin. Ha il suo compleanno il 21 novembre e Darwin pubblicò il suo primo libro, "Sull'origine delle specie", il 24 novembre 1859. Anche sua madre Ruth è spagnola e il nome funziona in spagnolo, danese e inglese. E Ruth significa "amico" in ebraico, e Darwin una volta era chiamato il suo "caro amico" in Inghilterra, e sì, adoro Charles Darwin.
Signor Ingels, perché sei l'unico architetto che sembra che il suo lavoro sia davvero buono per lui?
Ah, sì, è divertente. Bene, penso che il mio lavoro sia piacevole come qualsiasi altro. , , Abbiamo appena aperto una mostra intitolata "Formgiving", che consente agli architetti e ai progettisti di ricordare molto bene ciò che rende il nostro lavoro rilevante e importante: che gli diamo una forma che non ha uno, il futuro e soprattutto quello Futuro in cui vorremmo vivere. E non riesco proprio a immaginare un compito più eccitante e significativo di questo. Certo, a volte è difficile e una vera sfida - sicuramente non è sempre stato divertente lavorare su questo progetto, ci sono stati molti momenti di "fanculo, sì", ma poi ancora molti come "Jeeesus".
Bjarke Ingels ama i fumetti, forse dovremmo menzionarlo brevemente. Il suo fumetto architettonico «Sì è di più» è stato preso sul serio anche dal rigoroso settore dell'architettura. In questa Archicomic, il gruppo Bjarke Ingels, in breve BIG, ha formulato per la prima volta la speranza che l'architettura verde non dovrebbe apparire come noiose casse di cemento e non necessariamente vincoli per i suoi utenti.
Sul suo account Instagram, hai pubblicato una foto di un uomo che sembra che dici da 30 a 40 anni. Questo ti aiuta a entrare in empatia con il futuro?
Sì, come tutti, sono rimasto affascinato da questa app. , ,
, , , trasformando uno in una persona anziana usando i filtri. Immagina di avere 80 anni: che cosa hai raggiunto da allora?
Quindi se conti nella vita, ho poco più della metà dietro di me, giusto? Idealmente, sarei ricordato per cose che non ho ancora fatto. Voglio dire, sono molto contento dei nostri progetti, ma stiamo costantemente imparando e lavorando per esso o desideriamo crescere, svilupparci spiritualmente e creativamente. In tal senso, spero che il nostro contributo più significativo sia ancora davanti a noi.
E non hai ancora idea di come potrebbe essere?
Le idee fondamentali che hanno plasmato la nostra pratica per molti anni - come "Pragmatismo utopico" o "Sostenibilità edonistica" - continueranno a svolgere un ruolo importante nel nostro lavoro in futuro. Proprio come la convinzione che l'architettura e il design non abbiano nulla a che fare con lo stile o l'estetica, ma piuttosto modellano il futuro.
"Sostenibilità edonistica" è un'idea così entusiasmante, dopotutto, finalmente dissipa l'idea che sostenibilità significherà abbandono e proibizione: secondo il motto, se vogliamo proteggere l'ambiente, dobbiamo rinunciare alla nostra libertà, non possiamo più volare o carne mangia di più. Tuttavia, dicono: No, sostenibile può dare piacere, aumentare il piacere. Allora, quando hai fondato BIG nel 2005, pensavi che avresti avuto tanto successo?
Assolutamente no. Non sono mai stato particolarmente ambizioso o strategico. Ho aperto il mio ufficio solo perché ho lavorato per alcuni architetti in tutto il mondo e sapevo che volevo andare oltre la politica che è così diffusa negli studi di architettura. A tale proposito, preferivo rimanere senza alternative piuttosto che avere un piano.
Lasciamolo così.
Sempre più persone scendono in strada per il futuro. Ciò che guida e allo stesso tempo li scoraggia è l'idea di un pianeta Terra distrutto. Cosa ne pensi di un attivismo politico che si basa su scenari apocalittici?
Non credo che la disperazione sia particolarmente motivante. C'è molta incertezza sul futuro, non sappiamo se uno scenario del genere diventi davvero realtà. Tuttavia, se la Terra è la nostra unica opportunità di investimento, sarebbe saggio prendersene cura. Non possiamo permetterci di essere sorpresi o incasinati. Mi era stato detto in particolare a Berlino in occasione della conferenza "Progetto Manhattan" sulla molto propositivo sulle nuove tecnologie e il cambiamento climatico: E 'stato in particolare su come CO 2 in grado di ridurre le emissioni di CO 2 -free industria e gli investimenti in redditizia aziende. Una cosa del genere dimostra che stiamo affrontando una grande sfida e crisi, ma noi umani siamo molto bravi a affrontarla. Quindi sono ottimista, non perché penso che le cose funzioneranno da sole, ma perché le ripareremo.
Molti dei tuoi progetti non sembrano voler prevenire il cambiamento climatico, ma assumerlo. "Oceanix City", ad esempio, è costituito da gruppi di isole che possono nuotare nel mare. Forniscono alloggi per le comunità più piccole che sarebbero state sfollate dalle loro città alluvionate entro il 2050 e aree per molluschi e ostriche, centri culturali e sportivi, tetti solari. Tutto sommato un "ecosistema artificiale" senza gas di scarico e immondizia che ricorda un paradiso. Non è cinico vendere l'innalzamento del livello del mare come promessa?
Il chimico ed esperto di clima Sir David Kind ha recentemente mostrato immagini della Siberia, dove si sa che i terreni permafrost si scongelano. Questo rilascia il carbonio immagazzinato al suo interno, che porta a massicce esplosioni. Quindi, quando il mondo cambia, ci sono problemi molto grandi, ma possiamo gestirlo molto bene. Anche la vita si è evoluta attraverso l'adattamento e l'umanità si evolve attraverso la capacità di collaborare.

Se il nostro futuro è così, non viene risolto. Lo studio di architettura BIG, tuttavia, vuole rispondere all'innalzamento del livello del mare e ha progettato una città di isole, che nel 2050 ospiterà fino a 10.000 persone. A Oceanix City, potranno prendersi cura di se stessi, ad esempio attraverso campi di alghe, ostriche e letti di cozze. Esistono istituti scolastici, centri sportivi e ospedali, nonché vivai di bambù, "sei volte più resistenti" dell'acciaio. E ovviamente un bilancio energetico sostenibile. (Immagine: PD) Il tetto della nuova sede di Google dovrebbe ora essere in piedi. Le prove circolano in rete e i blog riportano i progressi del grande campus di Mountain View, in California. Come il guscio di una tartaruga, si trova nella Silicon Valley, i fronti delle finestre tra i tetti a forma di tenda sono chiamati "sorren gaden luce". Insieme a Heatherwick Studio di Londra, BIG ha progettato il nuovo volto del motore di ricerca Internet di successo a livello globale. (Foto: BIG) Al gruppo Bjarke Ingels piace pensare su larga scala: BIG ha completato una piramide residenziale nel 2016 sulla West 57th Street. VIA è ora ufficialmente chiamato l'edificio con le sue circa 700 unità abitative, che BIG descrive come "cortile", ovvero una miscela di cortile e grattacielo. (Foto: PD) Nel giardino del cortile di VIA c'è un grande giardino, come ci si aspetterebbe dalle città europee con sviluppo del blocco perimetrale. Vista sul fiume Hudson sulla West 57th Street. (Foto: PD) L '"8-House" o "Endless House", che è stata spostata nel 2009, collega 475 unità abitative tramite un loop. Ci sono case a schiera da uno a due piani e appartamenti per single, uffici e negozi e strade pubbliche che le collegano. A Ørestad, sull'isola di Amager, tra l'aeroporto e Copenaghen, dove si trova l'edificio, è emersa una piccola città della città. (Foto: PD) Le mini ville della "Mountain House" a Ørestad, che erano ammucchiate sopra un garage, sono state il primo progetto acclamato a livello internazionale di BIG dal 2006. Qui, lo studio di architettura ha giocato con le forme della natura per dare all'architettura un'immagine verde , (Foto: PD) Primo piano delle mini ville. (Foto: PD) Mountain House da lontano. (Foto: PD) Spazio pubblico: la "Piazza Rossa" nella superkilen di Copenaghen con pezzi fissi destinati a commemorare la società multiculturale nel distretto di Nørrebro. (Foto: PD) Con saggi cubici, BIG è stato in grado di realizzare un gesto estremamente efficiente in termini di spazio e formalmente efficace nel magazzino di transito nell'ex magazzino a cielo aperto di Basler Dreispitz. I balconi degli appartamenti angolari si affacciano direttamente sulla torre residenziale "Helsinki" di Herzog & de Meuron. (Foto: PD) La visualizzazione del "Musée Audemar Piguet" a Le Brassus nella Vallée du Joux, che aprirà nell'aprile 2020, mostra una serie di rampe d'accesso che possono essere utilizzate per lo sci di fondo in inverno. (PD)

Se il nostro futuro è così, non viene risolto. Lo studio di architettura BIG, tuttavia, vuole rispondere all'innalzamento del livello del mare e ha progettato una città di isole, che nel 2050 ospiterà fino a 10.000 persone. A Oceanix City, potranno prendersi cura di se stessi, ad esempio attraverso campi di alghe, ostriche e letti di cozze. Esistono istituti scolastici, centri sportivi e ospedali, nonché vivai di bambù, "sei volte più resistenti" dell'acciaio. E ovviamente un bilancio energetico sostenibile. (Immagine: PD)

Ciononostante, sembra che le future bozze come "Oceanix City" dicano: Rilassati, quando il mondo crollerà, possiamo ancora averlo bello.
Sono convinto che possiamo influenzare il futuro. È fantastico essere un formulatore. Ed è fantastico che ora ci sia un museo qui in Norvegia che collega due sponde del fiume, che sono stato in grado di realizzare qualcosa del genere in un periodo di otto anni. Quasi allo stesso tempo, abbiamo aperto la centrale elettrica a Copenaghen dove è possibile sciare perché abbiamo costruito la centrale elettrica più pulita al mondo. Quindi sì, se non facciamo nulla, molto può andare storto, ma è per questo che non dovremmo fare nulla.
(Inserto breve: Copenhill, un inceneritore di rifiuti a Copenaghen dove si può effettivamente sciare, è stato un argomento caldo per la stampa per anni , ed è uno di quei prestigiosi progetti degli architetti BIG che sono tanto sbagliati quanto loro: i rifiuti vengono trasformati in elettricità qui, I filtri del gas di scarico all'avanguardia assicurano che nessuna sostanza tossica penetri nell'atmosfera, come hanno finalmente attestato le autorità danesi, e ai bambini è ora ufficialmente permesso indossare gli sci sulla collina dell'edificio nell'area industriale. "Non c'è neve, ma la plastica verde La domanda è se questa forma di "sostenibilità edonistica" - non segnali anche alla prole che i rifiuti sono buoni per l'uso ricreativo.)
Cosa mi consigliate?
Dovresti trovare suggerimenti pratici e tangibili. Attualmente stiamo lavorando a una sorta di meta-progetto che chiamiamo Masterplanet, un piano generale per il pianeta. Sappiamo che gli umani sono in grado di coordinare le missioni intergenerazionali che hanno bisogno di risorse infinite. È così che abbiamo costruito cattedrali. Abbiamo solo bisogno di un piano generale. Al momento c'è molta letteratura e molti documenti che dimostrano il caos e definiscono i problemi, ma ci sono solo obiettivi climatici parziali: questa città vuole cambiare questo in questo momento e quelli raggiungono qualcos'altro . , , ma questo non va da nessuna parte in un piano generale.
E che aspetto ha questo "piano generale"?
Dobbiamo ancora svilupparlo, ma riunirà alcune grandi società private, istituzioni internazionali, opportunità di investimento e progetti. Il cambiamento climatico è nelle mani dei politici o poi degli scienziati. Ciò che architetti e designer possono contribuire è che le cose vengono realizzate, implementate e progettate. Sappiamo come farlo: tracciare un'idea, studiarla, testarla e sviluppare una tabella di marcia. Politici e scienziati non dovrebbero decidere il nostro futuro, ma architetti, ingegneri e investitori.
Riesci a immaginare di lavorare con Greta Thunberg?
Chiaro! Greta è una grande mascotte per una generazione frustrata dall'idea che il mondo sembra andare in rovina e nessuno ci sta facendo nulla. Mi piacerebbe sentire il tuo contributo, ma probabilmente avremmo bisogno di molta esperienza nel campo della scienza, della tecnologia, della chimica. Si tratterà di materiali, calcestruzzo, soluzioni pratiche.
Un rapporto delle Nazioni Unite del 2017 documenta che l'industria delle costruzioni rappresenta il 36 percento del consumo globale di energia e quasi il 40 percento delle emissioni di CO2. In altre parole, l'architettura è percepita come un problema; tu la presenti come una soluzione. Come funziona?
Se le persone fossero etichettate come parte del problema, sarebbe vero, ma stupido allo stesso tempo o no? Proprio perché le persone stanno producendo e accelerando i cambiamenti climatici, saranno sicuramente la soluzione. Se cambiamo il clima sulla Terra quasi per caso, immagina cosa è successo se volessi cambiarlo consapevolmente. Abbiamo la capacità - il potere di farlo.
Eppure l'industria delle costruzioni sta distruggendo l'ambiente. BIG è al 50 ° posto nella classifica "WA100" con 248 dipendenti nei più grandi studi di architettura del mondo. I tuoi progetti sono all'altezza del nome del tuo ufficio: sono enormi complessi residenziali, hotel, grattacieli per i maggiori investitori. Come si combinano la protezione del clima e la macchina del denaro architettonico?
Chiunque pensi che l'architettura sia un problema così grande dovrebbe cercare di essere senzatetto. Se gli edifici sono un problema, eliminali. Quindi sarà molto difficile sopravvivere all'inverno a Zurigo.

Questa è una risposta molto polemica.

Sì, è anche una risposta stupida, ovviamente, ma se abbiamo una scelta tra architettura e senzatetto, scegliamo architettura. Esistono pochissimi posti al mondo in cui da 7,5 a 8 miliardi di persone potrebbero vivere senza di loro, almeno non in Norvegia, Zurigo o Copenaghen: abbiamo bisogno dell'architettura. Una delle caratteristiche che definisce la vita in contrapposizione alla materia morta è che consuma energia. Il consumo di energia non è una brutta cosa, ma una buona cosa, almeno se pensi che la vita sia una buona cosa. Vogliamo usare l'energia. Non vogliamo semplicemente sprecarlo. In un certo senso, questo è anche il problema dell'inquinamento atmosferico: CO 2 e gas a effetto serra sono sottoprodotti che nessuno vuole o di cui ha bisogno. Ma cosa succede se diventano risorse quando creano nuove cose, ad esempio le fibre di carbonio? In Svizzera, c'è la società Climeworks, che ha sviluppato una tecnologia che cattura il carbonio.
Proprio come le navi dell'aspirapolvere devono pescare la plastica dai mari. Invece di combattere la causa - l'uso della plastica, l'industria dell'imballaggio e così via - stai inventando sempre nuove macchine. Questo aumenta l'economia.
Vedi la verità in faccia. Se vuoi respirare aria pulita, smetti di fumare, ma non lo fai. Quindi dobbiamo pulire l'aria mentre stiamo ancora fumando. Non tutte le auto sono elettriche e tutte le centrali elettriche sono pulite, il riscaldamento globale è realtà. Sono d'accordo che devi arrivare alla causa del problema, ma finché non lo abbiamo risolto, dobbiamo usare altri mezzi. Sono un ottimista, abbiamo la cultura per affrontarla, solo molte persone devono metterci molta energia.
Non di rado, gli architetti cercano di risolvere il problema dal punto di vista architettonico: ad esempio, non ricostruendo, ma utilizzando lo stock esistente o riciclando i rifiuti di costruzione.
Anche questa è un'ottima idea. Tutti i nostri uffici sono situati in edifici esistenti, stiamo trasformando un vecchio grande magazzino sulla 5th Avenue a New York in un ufficio, un vecchio magazzino a Soho presso la sede di "The Atlantic" e un vecchio bacino portuale in un museo. Certo. Ma quando guardi alla crescita della popolazione, è chiaro che avremo bisogno di più edifici, che dovremo sostituire quelli vecchi, che le persone potrebbero voler uscire dalle loro capanne e condividerle con dodici membri della famiglia. Sarebbe folle condannare l'architettura. Al contrario, è così buono che può migliorare la qualità della vita, forse proteggere un bambino dalla respirazione nell'aria inquinata. Stiamo appena iniziando a comprendere le conseguenze delle nostre azioni, quindi saremo in grado di disinnescarle e trasformarle in qualcosa di positivo.
Credono nei buoni vecchi progressi.
L'equilibrio non è uno stato stabile - un funambolo bilancia, perché se si ferma, cadrebbe immediatamente. Continua a muoversi un po ', il che significa che usa molta energia per mantenere l'equilibrio.
Stai parlando di te? Si muovono sempre. Secondo il tuo account Instagram, fai il pendolare tra il Burning Man Festival nel deserto del Nevada, King's Landing, il sito principale della serie televisiva Game of Thrones, le Maldive, le isole greche e, naturalmente, la Scandinavia. Qual è la tua impronta ecologica?
È molto bello che tu lo chieda. Io volo cioè SAS, e ci compensare il CO ₂ emissione di tutti i nostri voli business.
E l'impronta ecologica della tua azienda?
Non ho ancora calcolato, ma sono sicuro che è praticamente nel range negativo. , ,
Come annunciato, eravamo a solo mezz'ora di distanza per questa conversazione. Bjarke Ingels ora deve guidare un gruppo di giornalisti internazionali attraverso The Twist, il museo del ponte privato della Norvegia. Tra un'ora arriverà anche la regina Sonja con la banda di ottoni e i suoi colorati dipinti di paesaggi. Il collezionista d'arte, imprenditore di successo e proprietario del parco di sculture Christian Sveaas la saluta come la sua migliore amica. Prost. Grazie E arrivederci

Riconciliazione con architettura insignificante? Il museo privato norvegese "The Twist" brilla in alluminio, non arte.
Antje Stahl 30.10.2019, 05:30
Un architetto danese si affida alla narrazione
svf. · Bjarke Ingels, nato nel 1974, ha fondato il suo ufficio Bjarke Ingels Group, abbreviato BIG, all'età di 31 anni. Nel frattempo, dopo Copenaghen, la compagnia ha anche sede a New York, Londra e Barcellona, ​​con 17 soci, 26 associati e 15 direttori. La carriera di Ingels iniziò con il boom dell'edilizia abitativa nella parte meridionale della città di Copenaghen, Ørestad, dove dapprima attirò l'attenzione con due edifici figurativi di grandi dimensioni (sotto forma di lettere V e M e poi come paesaggio collinare sopra un garage).
La svolta internazionale è arrivata nel 2009, anche a Ørestad, con la "Casa senza fine" (da non confondere con il lavoro concettuale di Friedrich Kiesler), che non è affatto una casa, ma un intero distretto di case a schiera lungo una strada interna. Questo conduce come un ciclo di Möbius, o proprio come un 8 sdraiato per infinito, attraverso l'enorme struttura. Contrariamente allo scetticismo iniziale dei tradizionali sviluppatori urbani, se il sogno di megastrutture formalistiche non riemerga qui, l'8-House è stata ben accolta dai residenti e, nonostante la sua posizione periferica, un vivace quartiere. L'idea di continuare l'Unité d'habitation di Le Corbusier in un adattamento contemporaneo può essere sentita nelle case a schiera, negli appartamenti e nelle vie di accesso strettamente annidate e collegate. L'unico problema è forse i molti turisti architettonici a cui viene detto alla rampa verso la rampa che le loro visite qui non sono davvero desiderabili.

Tra i numerosi e importanti progetti internazionali che BIG è stato in grado di progettare e implementare parzialmente includono una torre residenziale a forma di piramide a New York e la Lego House a Billund, in Danimarca, che integra la Lego Land danese come hotel. Tutti mostrano non solo il linguaggio pittorico dell'ufficio, ma anche i giochi in scala e talvolta la GRANDE massa. I mattoncini Lego diventano letteralmente il modello di un blocco di case o una spirale ispirata all'orologeria diventa una rampa per gli sciatori di fondo: nel museo dell'orologeria "contemporaneo e tradizionale" con la pensione "Museo Atelier Audemars Piguet" a Le Brassus (Vallée de Joux) nella Svizzera francese , che è attualmente in costruzione e dovrebbe essere aperto nella primavera del 2020. In Svizzera, la conversione e l'estensione del campo di transito di Dreispitz nell'ex magazzino a cielo aperto di Basilea-Münchenstein sono state completate nel 2016.

La mostra "Formgiving" di BIG presso il Danish Architecture Centre di Copenaghen, durerà fino al 12 gennaio 2020.

 


 

 

Stampa Email

BIG -Bjarke Ingels Group, Danimarca

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Dal prestigioso quotidiano NZZ (www.nzz.ch)

 

Das Klima inspiriert den Architekturstar Bjarke Ingels: «Gerade weil Menschen den Klimawandel hervorbringen und beschleunigen, werden sie auch die Lösung sein.»

Über den dänischen Architekten Bjarke Ingels werden Netflix-Filme gedreht. Mit seinen Fans kommuniziert er bevorzugt über Instagram. Dabei vertritt er die Ansicht, dass Klimaschutz nichts mit Verboten, sondern mit der Steigerung von Lebenslust zu tun haben sollte. Antje Stahl traf ihn in Norwegen zum Gespräch.

Antje Stahl30.10.2019, 05:30 Uhr

 


Bjarke Ingels, Gründer des dänischen und internationalen Architekturbüros BIG. (Bild: PD)

Über die Königin Sonja von Norwegen könnten wir jetzt ein wenig plaudern: Vor wenigen Wochen hat sie, begleitet von der Blasmusik der Militärkapelle, nämlich nicht nur ein Privatmuseum nördlich von Oslo eingeweiht. Nein, sie hat für die knapp 500 Gäste dieses Events auch noch höchstpersönlich bunte Landschaftsdrucke angefertigt. Im Anschluss an Reden, Dinner und Party wurden diese Bilder von knöchrigen Bäumen handsigniert und zusammen mit einer Elchwurst in einem Jutebeutel ausgehändigt.

Ob Sonja dieser bizarren Goodie-Bag-Mischung zugestimmt hat?, fragte man sich. Oder sie den anderen Künstlern Konkurrenz machen wollte, die hier ausgestellt werden, darunter Anish Kapoor, Yayoi Kusama und Olafur Eliasson? Das werden wir an anderer Stelle klären müssen. Die Royals (der Kronprinz Frederik von Dänemark war auch da) würden uns einfach zu sehr von unserem eigentlichen Protagonisten abbringen: Immerhin steht der Architekt Bjarke Ingels hier im norwegischen Wald bei Jevnaker für ein Interview zur Verfügung.

Über Wochen, ach Quatsch, Monate haben wir sein Architekturbüro BIG angeschrieben mit der Bitte, uns doch endlich einmal einen Termin mit dem dänischen Architekten einzurichten, der so ganz anders über den Klimawandel, die Nachhaltigkeit und die Krise spricht, als man das von Aktivisten und Politikern und sogar von Architekten so gewohnt ist. Netflix-Filme werden deshalb über Bjarke Ingels, Jahrgang 1974, gedreht, er gibt TED-Talks und kommuniziert mit seinen unzähligen Fans über Twitter und Instagram (mit immerhin knapp 700 000 Followern). Das macht ihn zu einem der wenigen Architekten, die nach den Massen greifen. Auch Investoren lieben ihn für seine Storytelling-Künste, überhäufen ihn weltweit mit Aufträgen. Manhattan soll er sogar vor dem steigenden Meeresspiegel retten und bis 2050 einen neuen Landstreifen rund um den südlichen Teil der Insel bauen. Kollegen nervt dieser grossmassstäbliche Erfolg des Büros natürlich. Über die Universität Harvard findet man einen offenen Brief, in dem sogar der Nachwuchs zugibt, wie neidisch er auf den Erfolg von Ingels ist – und wie frustriert, dass er die Welt mit seinen Mammutprojekten vielleicht doch nicht retten wird. Es gibt also viel zu besprechen. Eine halbe Stunde gewährte uns die PR-Maschine anlässlich der Eröffnung des Museums in Norwegen mit diesem Pop-Star. Verschwenden wir daher keine Zeit und . . .

. . . schauen uns mit ihm in aller Ruhe ein Foto von seinem knapp einjährigem Sohn auf seinem Mobiltelefon an, das er auch auf seinem Instagram-Account teilt . . .

Wie heisst Ihr Sohn?

Darwin. Er hat auch seinen eigenen Instagram-Account, da ich so viele Fotos von ihm poste. Ich bin halt wie alle anderen Eltern auch: Ich denke, er ist das interessanteste, faszinierendste, schönste, brillanteste Wesen.

Als Anmerkung der Redaktion müsste an dieser Stelle eigentlich zum ersten Mal «lacht» auftauchen, da Bjarke Ingels aber ununterbrochen lacht, verzichten wir darauf und setzen ab sofort voraus, dass die Leserin dieses «Lachen» mitliest.

Und Darwin wie in Charles . . .

. . . ja, wie Charles Darwin. Er hat am 21. November Geburtstag, und Darwin hat sein erstes Buch, «Über die Entstehung der Arten», am 24. November 1859 publiziert. Seine Mutter Ruth ist zudem Spanierin, und der Name funktioniert sowohl auf Spanisch als auch auf Dänisch und Englisch. Und Ruth bedeutet auf Hebräisch «Freund», und Darwin nannte man in England früher seinen «lieben Freund», und ja: Ich liebe halt Charles Darwin.

Herr Ingels, warum sind Sie eigentlich der einzige Architekt, der wirkt, als bereite ihm sein Job so richtig gute Laune?

Ha, ja, das ist lustig. Also ich glaube, mein Job bereitet mir genauso viel Freude wie anderen auch . . . Wir haben gerade eine Ausstellung eröffnet mit dem Titel «Formgiving», die uns Architekten und Designer ganz gut daran erinnern kann, was unseren Beruf eigentlich relevant und wichtig macht: dass wir dem eine Form geben, das noch keine hat, der Zukunft und insbesondere der Zukunft, in der wir gerne leben möchten. Und ich kann mir einfach keine aufregendere und bedeutungsvollere Aufgabe vorstellen als diese. Selbstverständlich ist es manchmal hart und eine echte Herausforderung – es war definitiv nicht immer lustig, an diesem Projekt zu arbeiten, es gab viele «Fuck, yeah»-Momente, dann aber auch wieder viele wie «Jeeesus».

Bjarke Ingels liebt Comics, das sollten wir vielleicht kurz erwähnen. Sein Architekturcomic «Yes is more» wurde sogar vom strengen Architekturbetrieb einigermassen ernst genommen. In diesem Archicomic formulierte die Bjarke Ingels Group, kurz BIG, zum ersten Mal die Hoffnung, dass umweltverträgliche Architektur nicht aussehen müsse wie langweilige Betonkisten und nicht unbedingt Einschränkungen für seine Nutzer bedeuten müsse.

Auf ihrem Instagram-Account haben Sie das Foto eines Mannes gepostet, der aussieht wie Sie in sagen wir 30 bis 40 Jahren. Hilft Ihnen das, sich in die Zukunft hineinzuversetzen?

Jaaa, wie alle war auch ich von dieser App fasziniert . . .

. . . die einen mithilfe von Filtern in einen alten Menschen verwandelt. Stellen Sie sich vor, Sie wären 80 Jahre alt: Was haben Sie bis dahin erreicht?

Also wenn man in Lebenszeit rechnet, habe ich etwas mehr als die Hälfte hinter mir, richtig? Idealerweise würde ich für Dinge erinnert werden, die ich noch nicht gemacht habe. Ich meine, ich bin sehr glücklich mit unseren Projekten, aber wir lernen doch ständig dazu und arbeiten dafür oder sehnen uns danach, zu wachsen, uns geistig und kreativ weiterzuentwickeln. Insofern hoffe ich, dass unser bedeutsamster Beitrag noch vor uns liegt.

Und Sie haben noch keine Vorstellung davon, wie dieser aussehen könnte?

Grundsätzliche Ideen, die unsere Praxis seit vielen Jahren prägen – wie «Utopian Pragmatism» oder «Hedonistic Sustainability» –, werden auch in Zukunft eine grosse Rolle für unsere Arbeit spielen. Genauso wie die Überzeugung, dass Architektur und Design nichts mit Stil oder Ästhetik zu tun haben, sondern vielmehr der Zukunft eine Form geben.

«Hedonistic Sustainability» ist ein so aufregender Gedanke, immerhin vertreibt er endlich die Vorstellung, dass Nachhaltigkeit Verzicht und Verbote bedeuten wird: nach dem Motto, wenn wir die Umwelt schützen wollen, müssen wir unsere Freiheit aufgeben, dürfen wir nicht mehr fliegen oder kein Fleisch mehr essen. Sie hingegen sagen: Nein, nachhaltig kann Vergnügen bereiten, Lust steigern. Hätten Sie damals, als Sie im Jahr 2005 BIG gründeten, gedacht, dass Sie so viel Erfolg haben würden?

Auf keinen Fall. Ich war nie besonders ambitioniert oder strategisch. Ich habe mein eigenes Büro nur deshalb aufgemacht, weil ich bereits für einige Architekten rund um die Welt gearbeitet hatte und wusste, dass ich mich jenseits der Politik weiterentwickeln wollte, die in Architekturbüros so am Wirken ist. Insofern gingen mir eher die Alternativen aus, als dass ich einen Plan gehabt hätte.

Das lassen wir jetzt einfach mal so stehen.

Immer mehr Menschen gehen für die Zukunft auf die Strasse. Was sie antreibt und zugleich abschreckt, ist die Vorstellung eines zerstörten Planeten Erde. Was halten Sie von einem politischen Aktivismus, der auf apokalyptische Szenarien setzt?

Ich denke nicht, dass Hoffnungslosigkeit besonders motiviert. Es gibt sehr viel Ungewissheit über die Zukunft, wir wissen nicht, ob so ein Szenario wirklich Realität wird. Wenn die Erde allerdings unsere einzige Anlagemöglichkeit ist, wäre es weise, sich besonders gut um sie zu kümmern. Wir können es uns schlichtweg nicht leisten, überrascht zu werden oder es zu versauen. Ich war gerade in Berlin auf der Konferenz «Manhattan Projects», auf der sehr proaktiv über neue Technologien und den Klimawandel gesprochen wurde: Es ging konkret darum, wie man CO2-Emissionen reduzieren kann, um CO2-freie Industrie und Investitionen in profitable Unternehmen. So etwas zeigt doch: Wir stehen vor einer grossen Herausforderung und Krise, aber wir Menschen sind sehr gut darin, damit umzugehen. Ich bin also optimistisch, nicht weil ich denke, dass sich die Dinge von selbst regeln, sondern weil wir sie regeln werden.

Viele Ihrer Projekte scheinen den Klimawandel nicht verhindern zu wollen, sondern vorauszusetzen. «Oceanix City» zum Beispiel besteht aus Inselgruppen, die im Meer schwimmen können. Sie bieten Wohnraum für kleinere Gemeinden, die im Jahr 2050 aus ihren überfluteten Städten vertrieben worden sein würden, und Anbauflächen für Muscheln und Austern, Kultur- und Sportzentren, Sonnendächer. Alles in allem ein «menschengemachtes Ökosystem» ohne Abgase und Abfall, das einem Paradies gleicht. Ist es nicht zynisch, den steigenden Meeresspiegel als Versprechen zu verkaufen?

Der Chemiker und Klimaexperte Sir David Kind zeigte jüngst Bilder aus Sibirien, wo bekanntlich die Permafrostböden tauen. Das setzt den Kohlenstoff frei, der darin gespeichert ist, und das führt zu massiven Explosionen. Wenn sich die Welt verändert, entstehen also sehr grosse Probleme, aber wir können sehr gut mit so etwas umgehen. Das Leben entwickelte sich ja auch durch Anpassung, und die Menschheit entwickelt sich durch die Fähigkeit zur Kollaboration.

Ob unser aller Zukunft so aussieht, sei einmal dahingestellt. Das Architekturbüro BIG allerdings will auf die steigenden Meeresspiegel reagieren und entwarf eine Stadt aus Inseln, die im Jahr 2050 bis zu 10 000 Menschen beherbergen soll. In Oceanix City werden sie sich selbst versorgen können, etwa durch Algenfelder, Austern- und Muschelbänke. Es gibt Bildungseinrichtungen, Sportzentren und Krankenhäuser sowie Baumschulen für Bambus, «der sechsmal so belastbar» sei «wie Stahl». Und selbstverständlich einen nachhaltigen Energiehaushalt. (Bild: PD)
Das Dach der neuen Firmenzentrale von Google soll mittlerweile stehen. Im Netz kursieren die Beweisfotos, und in Blogs wird über den Baufortschritt des grossen Campus in Mountain View, Kalifornien, berichtet. Wie der Panzer einer Schildkröte liegt er da im Silicon Valley, die Fensterfronten zwischen den zeltartigen Dächern werden «lächelnde Lichtgaden» genannt. Gemeinsam mit Londons Heatherwick Studio entwarf BIG das neue Gesicht der weltweit erfolgreichen Internetsuchmaschine. (Bild: BIG)
Die Bjarke Ingels Group denkt gerne im grossen Massstab: An der West 57th Street stellte BIG 2016 eine Wohnpyramide fertig. VIA heisst das Gebäude mittlerweile offiziell mit seinen rund 700 Wohneinheiten, das BIG als «courtscraper», also eine Mischung aus Hof und Hochhaus, beschreibt. (Bild: PD) Im Hofgarten von VIA befindet sich nämlich, wie man das eher von europäischen Städten mit Blockrandbebauung gewohnt ist, ein grosser Garten. Blick zum Hudson River an der West 57th Street. (Bild: PD) Das 2009 bezogene «8-House» oder «Endless House» verbindet über eine Schlaufe 475 Wohneinheiten. Es gibt ein- bis zweigeschossige Reihenhäuser und Apartments für Singles, Büros und Geschäfte und öffentliche Wege, die diese miteinander verbinden. In Ørestad auf der Insel Amager, zwischen dem Flughafen und Kopenhagen, wo das Gebäude sich befindet, entstand so eine kleine Stadt in der Stadt. (Bild: PD) Die über einer Parkgarage gestapelten Mini-Villen des «Mountain House» in Ørestad waren das international vielbeachtete Erstlingsprojekt von BIG aus dem Jahr 2006. Hier spielte das Architekturbüro mit Formen aus der Natur, um der Architektur ein grünes Image zu schenken. (Bild: PD)

Close-up der Mini-Villen. (Bild: PD)
Mountain House aus der Ferne. (Bild: PD)
Öffentlicher Raum: Der «Rote Platz» in Kopenhagens Superkilen-Anlage mit Versatzstücken, die an die multikulturelle Gesellschaft im Stadtteil Nørrebro erinnern sollen. (Bild: PD) Mit kubischen Aufsätzen gelang BIG beim Transitlager auf dem ehemaligen Freilager im Basler Dreispitz eine überaus flächeneffiziente und formal wirksame Geste. Die Balkone der Übereck-Wohnungen blicken direkt auf das Wohnhochhaus «Helsinki» von Herzog & de Meuron. (Bild: PD) Die Visualisierung des «Atelier Musée Audemar Piguet» in Le Brassus im Vallée du Joux, das im April 2020 eröffnet wird, zeigt eine Reihe von Zugangsrampen, die im Winter zum Langlauf benutzt werden dürfen. (PD)

11 Bilder

Ob unser aller Zukunft so aussieht, sei einmal dahingestellt. Das Architekturbüro BIG allerdings will auf die steigenden Meeresspiegel reagieren und entwarf eine Stadt aus Inseln, die im Jahr 2050 bis zu 10 000 Menschen beherbergen soll. In Oceanix City werden sie sich selbst versorgen können, etwa durch Algenfelder, Austern- und Muschelbänke. Es gibt Bildungseinrichtungen, Sportzentren und Krankenhäuser sowie Baumschulen für Bambus, «der sechsmal so belastbar» sei «wie Stahl». Und selbstverständlich einen nachhaltigen Energiehaushalt. (Bild: PD)

Trotzdem scheinen Zukunftsentwürfe wie «Oceanix City» zu sagen: Entspannt euch, wenn die Welt untergeht, können wir es trotzdem schön haben.

Ich bin davon überzeugt, dass wir die Zukunft beeinflussen können. Es ist phantastisch, ein Formgeber zu sein. Und es ist phantastisch, dass es jetzt hier in Norwegen ein Museum gibt, das zwei Flussseiten miteinander verbindet, dass ich so etwas in einem Zeitraum von acht Jahren verwirklichen durfte. Fast gleichzeitig eröffneten wir das Kraftwerk in Kopenhagen, auf dem man Skilaufen kann, weil wir das sauberste Kraftwerk in der ganzen Welt gebaut haben. Also ja, wenn wir nichts tun, kann eine Menge schiefgehen – aber deshalb sollten wir nicht nichts tun.

(Kurzer Einschub: Copenhill, eine Müllverbrennungsanlage in Kopenhagen, auf der man tatsächlich Skilaufen kann, wird schon seit Jahren in der Presse diskutiert. Es ist eines dieser Prestigeprojekte des Architekturbüros BIG, das so falsch wie richtig wirkt: Abfall wird hier in Strom verwandelt, und modernste Abgasfilter sorgen dafür, dass keine Giftstoffe in die Atmosphäre treten, wie die dänischen Behörden nun endlich auch attestierten. Kindern ist es nun ab sofort hochoffiziell erlaubt, auf dem Gebäudeberg im Industriegebiet Ski anzuschnallen. Es gibt zwar keinen Schnee, aber das grüne Plastik auf dem Dach der Müllverbrennungsanlage tut es offenbar auch. Die Frage ist nur, ob diese Form der «Hedonistic Sustainability» – «hedonistischen Nachhaltigkeit» – dem Nachwuchs nicht auch signalisiert, dass Abfall gut für die Freizeitgestaltung ist.)

Was schlagen Sie vor?

Man sollte mit praktischen, handfesten Vorschlägen kommen. Wir arbeiten gegenwärtig an einer Art Meta-Projekt, das wir Masterplanet nennen, also einen Masterplan für den Planeten. Wir wissen ja, dass Menschen fähig sind, generationsübergreifend Einsätze zu koordinieren, die unendlich viele Ressourcen brauchen. So haben wir Kathedralen gebaut. Wir brauchen nur einen Masterplan. Gegenwärtig gibt es eine Menge Literatur und viele Dokumente, die das Chaos belegen und die Probleme definieren, aber es gibt nur partielle Klimaziele: Diese Stadt möchte dies zu diesem Zeitpunkt verändern und jene etwas anderes erreichen . . . aber das läuft nirgendwo in einem Masterplan zusammen.

Und wie sieht dieser «Masterplan-et» aus?

Wir müssen ihn erst noch erarbeiten, doch er wird einige grosse Privatunternehmen, internationale Institutionen, Investitionsmöglichkeiten und Entwürfe zusammenführen. Der Klimawandel liegt entweder in den Händen von Politikern, oder dann von Wissenschaftern. Was Architekten und Designer beitragen können, ist, dass Dinge realisiert, umgesetzt und gestaltet werden. Wir wissen, wie das geht: eine Idee zu verfolgen, dieses zu studieren und jenes zu testen und einen Fahrplan zu erarbeiten. Über unsere Zukunft sollten nicht Politiker und Wissenschafter entscheiden, sondern Architekten, Ingenieure und Investoren.

Können Sie sich vorstellen, mit Greta Thunberg zusammenzuarbeiten?

Klar! Greta ist ein grossartiges Maskottchen für eine Generation, die frustriert ist von der Vorstellung, dass die Welt unterzugehen scheint und niemand etwas dagegen tut. Ich würde gerne ihren Input hören, aber wir würden wohl schon sehr viel Expertise aus der Wissenschaft, der Technologie, der Chemie brauchen. Es wird um Materialien gehen, um konkret umsetzbare, praktische Lösungen.

Ein Uno-Bericht aus dem Jahr 2017 dokumentiert, dass die Bauindustrie 36 Prozent des weltweiten Energieverbrauchs ausmacht und fast 40 Prozent des Co2-Ausstosses. Architektur wird mit anderen Worten als Problem wahrgenommen, Sie präsentieren sie als Lösung. Wie geht das zusammen?

Wenn man die Menschen als Teil des Problems bezeichnen würde, wäre das wahr, aber gleichzeitig auch bescheuert, oder nicht? Gerade weil Menschen den Klimawandel hervorbringen und beschleunigen, werden sie auf jeden Fall auch die Lösung sein. Wenn wir das Klima auf der Erde quasi aus Versehen verändern, stellen Sie sich vor, was passierte, wenn man es bewusst verändern möchte. Wir haben die Kapazität – die Kraft dazu.

Und trotzdem zerstört die Bauindustrie die Umwelt. BIG wird im «WA100»-Ranking mit 248 Mitarbeitern auf Platz 50 der weltweit grössten Architekturbüros geführt. Ihre Projekte machen dem Namen Ihres Büros alle Ehre: Es sind riesengrosse Wohnkomplexe, Hotels, Hochhäuser für Grossinvestoren. Wie passen Klimaschutz und Architekturgeldmaschine zusammen?

Jeder, der denkt, dass Architektur so ein grosses Problem darstellt, sollte versuchen, obdachlos zu sein. Wenn Gebäude ein Problem sind, dann schaffen Sie sie ab. Dann wird es nur sehr hart, den Winter in Zürich zu überstehen.



Das ist eine sehr polemische Antwort.

Ja, es ist auch eine dumme Antwort, klar, aber wenn wir die Wahl haben zwischen Architektur und Obdachlosigkeit, entscheiden wir uns für die Architektur. Es gibt nur sehr wenige Orte auf der Welt, wo 7,5 bis 8 Milliarden Menschen ohne sie leben könnten, jedenfalls nicht in Norwegen, Zürich oder Kopenhagen: Wir brauchen Architektur. Eines der Merkmale, die das Leben im Gegensatz zu toter Materie definieren, ist, dass es Energie verbraucht. Energie zu verbrauchen, ist also keine schlechte, sondern eine gute Sache, jedenfalls wenn man das Leben für eine gute Sache hält. Wir wollen Energie verbrauchen. Wir wollen sie nur nicht verschwenden. In gewisser Hinsicht ist das auch das Problem mit der Luftverschmutzung: CO2 und Treibhausgase sind Nebenprodukte, die niemand will oder braucht. Aber was ist, wenn sie Ressourcen werden, wenn sie neue Dinge hervorbringen – Kohlenstofffasern zum Beispiel? In der Schweiz gibt es die Firma Climeworks, die eine Technologie entwickelt hat, die Kohlenstoff einfängt.

So wie die Staubsaugerschiffe das Plastik aus den Meeren fischen sollen. Statt die Ursache – den Einsatz von Plastik, die Verpackungsindustrie und so weiter – zu bekämpfen, erfindet man immer neue Maschinen. Das kurbelt die Wirtschaft an.

Sehen Sie der Wahrheit ins Gesicht. Wenn man saubere Luft einatmen möchte, sollte man aufhören zu rauchen, aber man tut es nicht. Also müssen wir die Luft reinigen, solange wir noch rauchen. Es sind eben noch nicht alle Autos elektrisch und alle Kraftwerke sauber, globale Erderwärmung ist Realität. Ich stimme ja zu, dass man an die Ursache des Problems kommen muss, aber solange wir diese nicht behoben haben, müssen wir uns mit anderen Mitteln behelfen. Ich bin Optimist, wir haben die Kultur, damit umzugehen, es müssen nur sehr viele Menschen sehr viel Energie hineinstecken.

Architekten versuchen das Problem ja nicht selten architektonisch zu lösen: Beispielsweise indem nicht neu gebaut, sondern der Bestand genutzt wird oder Bauabfälle wiederverwertet werden.

Das ist auch eine sehr gute Idee. Alle unsere Büros befinden sich in bestehenden Gebäuden, wir verwandeln einen alten Department-Store auf der 5th Avenue in New York in ein Büro, eine alte Lagerhalle in Soho in den Hauptsitz von «The Atlantic» und ein altes Hafenbecken in ein Museum. Klar. Aber wenn Sie sich das Bevölkerungswachstum anschauen, ist es klar, dass wir mehr Gebäude brauchen werden, dass wir alte ersetzen müssen, dass Leute vielleicht einmal aus ihren Hütten ausziehen wollen, die sie mit zwölf Familienmitgliedern teilen. Es wäre aberwitzig, Architektur zu verdammen. Sie ist im Gegenteil so gut, dass sie die Lebensqualitäten verbessern kann, ein Kind vielleicht davor schützt, verpestete Luft einzuatmen. Wir fangen doch gerade erst an, die Konsequenzen unseres Handelns zu verstehen, daher werden wir sie auch entschärfen und in etwas Positives verwandeln können.

Sie glauben an den guten alten Fortschritt.

Gleichgewicht ist kein stabiler Zustand – ein Seiltänzer balanciert, denn wenn er stillstünde, würde er sofort fallen. Er bewegt sich ununterbrochen ein klein wenig, das heisst, er verwendet sehr viel Energie darauf, sein Gleichgewicht zu halten.

Sprechen Sie über sich selbst? Sie bewegen sich ja auch ständig. Laut Ihrem Instagram-Account pendeln Sie zwischen dem Burning-Man-Festival in der Wüste des US-Bundesstaates in Nevada, King’s Landing, dem Hauptschauplatz der Fernsehserie «Game of Thrones», den Malediven, griechischen Inseln und natürlich Skandinavien. Wie ist Ihr ökologischer Fussabdruck?

Es ist sehr nett, dass Sie das fragen. Ich fliege nämlich mit SAS, und wir kompensieren den CO-Ausstoss aller unserer Geschäftsflüge.

Und wie sieht es mit dem ökologischen Fussabdruck Ihres Unternehmens aus?

Den habe ich noch nicht berechnet, aber ich mit mir sicher, er ist praktisch im Minusbereich . . .

Wie angekündigt, stand uns für dieses Gespräch nur eine halbe Stunde zur Verfügung. Bjarke Ingels muss eine Gruppe von internationalen Journalisten nun durch «The Twist», das private Brückenmuseum in Norwegen, führen. In einer Stunde wird auch Königin Sonja mit der Blaskapelle und ihren bunten Landschaftsbildern eintreffen. Der Kunstsammler, erfolgreiche Geschäftsmann und Skulpturenparkbesitzer Christen Sveaas begrüsst sie, wie seine besten Freundin. Prost. Vielen Dank. Und adieu.

Versöhnung mit sinnloser Architektur? Im norwegischen Privatmuseum «The Twist» glänzt das Aluminium, nicht die Kunst.

Antje Stahl 30.10.2019, 05:30

Ein dänischer Architekt baut auf Storytelling

svf. · Bjarke Ingels, Jahrgang 1974, gründete 31-jährig sein Büro Bjarke Ingels Group, abgekürzt BIG. Unterdessen ist das Unternehmen nach Kopenhagen auch in New York, London und Barcelona ansässig und wird von 17 Partnern, 26 Associates und 15 Direktoren geführt. Ingels’ Karriere begann mit dem Wohnungsbauboom in Kopenhagens südlicher Stadterweiterung Ørestad, wo er zuerst mit zwei figurativen Grossbauten (in Form der Buchstaben V und M und dann als Hügellandschaft über einer Parkgarage) auf sich aufmerksam machte.

Der internationale Durchbruch erfolgte dann 2009, ebenfalls in Ørestad, mit dem «Endless House» (nicht zu verwechseln mit Friedrich Kieslers konzeptueller Arbeit), das gar kein Haus, sondern ein ganzes Quartier aus Reihenhäusern entlang einer inneren Strasse ist. Diese führt wie eine Möbiusschlaufe, oder eben wie eine liegende 8 für unendlich, durch die riesige Struktur. Entgegen der anfänglichen Skepsis der traditionellen Städtebauer, ob hier nicht der Traum formalistischer Megastrukturen wieder auflebe, wurde das 8-House von den Bewohnern gut angenommen und trotz der peripheren Lage zum lebendigen Quartier. Die Idee, Le Corbusiers «Unité d'habitation» in einer zeitgenössischen Adaption weiterzuführen, ist in den eng verschachtelten und ineinander verschränkten Reihenhäusern, Wohnungen und Erschliessungswegen spürbar. Das einzige Problem sind vielleicht die vielen Architekturtouristen, denen am Aufgang zur Rampe mitgeteilt wird, dass ihre Besuche hier eigentlich nicht erwünscht sind.

Zu den zahlreichen und internationalen Grossprojekten, die BIG seither entwerfen und teilweise verwirklichen konnte, gehören auch ein pyramidenförmiges Wohnhochhaus in New York und das Lego-House im dänischen Billund, welches als Hotel das dänische Lego-Land ergänzt. Sie alle zeigen nicht nur die bildhafte Sprache des Büros, sondern auch die Massstabspielereien und zuweilen die Masslosigkeit von BIG. Legosteine werden hier buchstäblich zum Modell für einen Häuserblock, oder eine von Uhrwerken inspirierte Spirale wird zur Rampe für Langläufer: so im «zugleich zeitgenössischen wie traditionellen» Uhrenmuseum mit Gästeunterkunft «Musée Atelier Audemars Piguet» in Le Brassus (Vallée de Joux) in der Romandie, das zur Zeit im Bau ist und im Frühjahr 2020 eröffnet werden soll. In der Schweiz bereits fertiggestellt wurden 2016 der Umbau und die Aufstockung des Transitlagers am Dreispitz im ehemaligen Freilager in Basel-Münchenstein.

Die Ausstellung «Formgiving» von BIG im Danish Architecture Center, Kopenhagen, läuft noch bis zum 12. Januar 2020.



Stampa Email

Vivere la città

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Vivere la c i t t à

A Vittoria, falcia due bambini con un Suv

 

Un galantuomo, figlio di galantuomo, ubriaco e imbottito di stupefacenti falcia due tenere vite e allora ci si chiede come funzionano le istituzioni in „questa“ italia senza regole con un un numero esorbitante di forze dell' ordine a garanzia del disordine, corroborate dalla presenza di guardie e comandanti di guardie municipali, onorevoli, piccoli e grandi, che „legiferano“, carabinieri con mitra spianati e gambe regolarmente divaricate e paletta conficcata nel gambale, talvolta in divisa impeccabile, scarpe da passeggio, camicia bianca, cravatta e guanti neri davanti ad una indicazione stradale con la scritta: Corleone.

 

E con tutto ciò cresce l' olocausto di giovani vite immolate sull' altare dell' ignavia, dell' ignoranza e del disordine istituzionalizzato e a nulla vale predicare che appana varcato il confine che separa il Trentino dal Sudtirolo la realtà assume altre sembianze che, poi, sono quelle dell' ordine e della presenza di Stato e sane Istituzioni dove questi doni del cielo valore e presenza hanno.

Stampa Email

Altri articoli...

  • 1
  • 2

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.